giovedì 23 febbraio 2017

Radiatori integrali con code di gambero e pesto di cavolo riccio

Ieri mattina ho portato la nonna a fare una visita. Stranamente il dottore era puntuale e ci ha subito ricevute. Dopo nemmeno 30 minuti eravamo fuori con ancora tutta la mattinata davanti. Ho chiesto alla nonna se avesse da fare altri giri, approfittando dell'autista personale, ma l'unica cosa che mi ha detto è stato < portami a casa > ma aveva lo sguardo triste e un po' rassegnato forse a causa delle parole appena sentite nello studio medico.
Ho acceso il motore con l'idea di accontentarla, poi, il sole caldo e il cielo limpido mi hanno fatto prendere un'altra decisione. 
Ho messo la freccia e ho detto < ti porto a vedere il mare >.
Ho parcheggiato il più vicino possibile alla zona pedonale e, piano piano con il bastone, l'ho accompagnata proprio fino a dove inizia la sabbia.
Ho visto il suo viso rilassarti, ha chiuso gli occhi ed ha ispirato fino a che i suoi polmoni non si sono riempiti di salmastro. Poi ha riaperto gli occhi e la sua bocca si è piegata in un sorriso. E' bastato uno sguardo per capire che era felice e che mi ringraziava per quel fuori programma. 
Ho pensato a quante volte è stata lei a portarmi al mare quando ero piccola. I miei nonni da giovani abitavano a Livorno ed io d'estate andavo sempre qualche giorno in trasferta da loro. Partivamo la mattina presto per poi riessere a casa per l'ora di pranzo (...mio nonno non era un uomo che si accontentava di un panino mangiato sotto il sole...). Quelle ore erano magiche per me e terribili per la mia nonna che aveva paura mi facessi male sugli scogli e mi seguiva come un'ombra! 
Come sono cambiate le cose...adesso sono io mi preoccupo per lei, che la sostengo perché non cada ed ho sempre il timore per tutto (...che si sia coperta abbastanza se fa freddo, che abbia la borsa ben chiusa o che indossi le scarpe di gomma per non scivolare...).
Sono tornata a casa con la voglia di un piatto che mi coccolasse e che avesse un po' di quel mare dentro, quello che avevo appena respirato insieme alla nonna. 


Mi sono ricordata che avevo delle code di gambero nel congelatore, acquistate per metterle sulla pizza (...poco tempo fa avevo assaggiato una pizza bianca con gamberi e pesto che mi aveva fatto impazzire!). Ho improvvisato un pesto con il cavolo riccio (se volete saperne di più potete, leggete quest'articolo) ed ho scelto il formato di pasta che più si addiceva al contesto.
Questo pranzetto è stato proprio goloso e non posso che condividerlo con voi, proprio come ho fatto con le mie emozioni...


Ingredienti:

pesto 
(dosi x condire 4 porzioni)
3 foglie grandi di cavolo riccio
20 g di pinoli
1 aglio intero
2 cucchiaio di olio e.v.o.
1 cucchiaio di Parmigiano grattugiato

(dosi a porzione)
70 g di radiatori integrali
5 code di gambero fresche o congelate

Eliminare il gambo coriaceo centrale del cavolo. Lavare accuratamente le foglie e strizzarle. Trasferirle nel mixer e unire i pinoli leggermente tostati in una padellina antiaderente insieme al Parmigiano e l'aglio privato del germoglio. Frullare fino ad ottenere un composto grumoso ma omogeneo, quindi aggiungere a filo l'olio. Frullare ancora e trasferire il pesto ottenuto in un vasetto di vetro.
Far riposare al fresco per almeno 1 ora.


Nel frattempo sbollentare le code di gambero per qualche minuto. Prelevare con un mestolo forato e trasferire in una ciotola con del ghiaccio. Portare di nuovo a bollore l'acqua dei gamberi e cuocerci la pasta al dente. 
Sbucciare i gamberi e trasferirli in una padella antiaderente insieme a 1 cucchiaio di pesto. Versarci la pasta e 1-2 cucchiai di acqua di cottura. Saltare qualche istante e mantecare bene.
Servire subito.


Questo pesto è molto aromatico, buonissimo anche da solo per condire un semplice piatto di cereali (l'ho provato anche con l'avena e mi è piaciuto da matti!) ma trovo che l'abbinamento con i crostacei e la pasta integrale sia vincente!


Il pesto avanzato nel vasetto di vetro, si conserva in frigorifero per circa 4 giorni. E' possibile congelarlo, in tal caso potrà essere consumato entro 2 mesi.


Se non si riesce a reperire il cavolo riccio, è possibile fare lo stesso pesto con il cavolo nero anche se il sapore sarà un po' più intenso.

48 commenti:

  1. Eccolo qui il cavolo incriminato 😂
    Che dire Consu... per il condimento della pasta è davvero invitante anche se io, come sai, non dovrei avvicinarmi nè all'integrale nè al cavolo (e mi piacciono entrambi 😭) hai cucinato un'ottima pasta!!! Per la nonna... è proprio così. È una ruota che gira. Si sa.
    Si sa ma non si capisce finché non ci si arriva (SE ci si arriva...) ma molto figli e nipoti se ne fregano. È ognuno di noi, prima o poi ha bisogno.
    Tua nonna ha il merito di avere te. Io ci metterei la firma... un abbraccio ad entrambe! La prox volta comprale anche il gelato, sono certa che ne sarà entusiasta! 💞

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo ❤️
      ps: meglio limitare gli zuccheri alla nonnina..già è golosa di suo 😋

      Elimina
  2. Il kale...Ma sai che stamattina ho visto che lo scomparto nello scaffale del supermercato era vuoto? Ha davvero un gran successo se lo finiscono subito.
    Questo pesto mi attira molto.
    La tua nonna è fortunata ad avere una nipote che si prende cura di lei, ma sai quante l'andrebbero a trovare una volta ogni tanto?
    Un bacio a te e un abbraccio alla tua nonnina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani, in effetti non si trova sempre ma quando c'è non me lo faccio scappare :-)

      Elimina
  3. Complimenti, sarà sicuramente buonissimo questo piatto! :)

    http://blog.giallozafferano.it/dolcisalatidielisabetta/

    http://ilblogdielisabettas.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Mamma mia Consu che piatto!!! Voglissima :-O Inoltre sei sempre tanto carina anche con la nonna <3
    Un bacione e complimenti a 360°
    Smack
    F*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede x essere passata a trovarmi <3
      A presto <3

      Elimina
  5. Il pesto di cavolo riccio ma quante ne sai e quante ne fai. Passo sempre con curiosità a leggerti perchè hai fantasia, brava Consu

    RispondiElimina
  6. Che persona splendida sei!!!! E che piatto gustoso, ma qui non trovo il cavolo riccio, dici che se lo sostituisco con un cavolo normale può andar bene? Un bacione e grazie!

    RispondiElimina
  7. Una buona pasta, tanto gustosa!!!

    RispondiElimina
  8. Si parlava di quanto è brutta l'invidia e quanto fa diventare cattive le persone... Leggendoti posso dire di aver provato una forte invidia nei tuoi confronti perchè puoi ancora toccare, baciare, stringere e amare tua nonna. Questa ividia non mi fa diventare cattiva, mi fa unicamente rigare il viso con lacrime di grande nostalgia per una nonnina andata via troppo, troppo presto ma che dalla foto nella mia camera mi osserva, lo so. Ma io non posso osservare lei. Un abbraccio a te e a lei. Lore

    RispondiElimina
  9. Quanta tenerezza in queste tue parole e un piatto di pasta che accarezza l'anima :) Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Leggendo di quello che hai fatto con tua nonna, mi hai fatto commuovere. Che fortuna avere lei e lei avere te.
    Che dire di questa pasta... ottima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, è una fortuna reciproca 😍

      Elimina
  11. che bello, ho sempre amato i miei nonni e rimpianto di averli lontani, di avere sempre dovuto concentrare il nostro tempo insieme e poi si è vero prima son loro che ci proteggono, si prendono cura di noi poi quando sono anziani siamo noi ad accompagnarli, controllare che abbiano tutto, che mangino, che siano ben coperti, i cicli della vita, ti sei preparata un bel piattino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lilli...non mi abituerò mai a questo ciclo della vita..

      Elimina
  12. A parte questa pasta che adoro già solo al pensiero dei suoi sapori ... quel pesto con i gamberi ...uhmmm mi viene l'acquolina anche a quest'ora. Mi sono commossa, lo sai? Naturalmente mi immedesimo nella tua nonna e mi sono vista, tra trent'anni, con il mio Christian che fa le stesse cose con me. Ora mi sto prendendo cura di lui, lo proteggo e lo coccolo ... chissà un domani se anche lui mi porterà in riva al mare, che adoro. Ti abbraccio forte, sei proprio una brava persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..sono sicura che il tuo Christian ti renderà tutto l'amore che gli stai dando..anche con gli interessi ❤️

      Elimina
  13. davvero invitante questo piatto! magari riesco a far andare a genio il cavolo riccio anche a me cucinato così!

    RispondiElimina
  14. Dolcissimo e prezioso il tuo fuori programma con la nonna. È basta, non so dire altro perché mi sono commossa pensando alla mia. Il tuo piatto è stupendo come dal solito. Non conosco affatto il cavolo riccio, forse non l ho nemmeno mai visto. D ora in poi ci farò caso. Ma quindi si consuma anche crudo, come la verza? Bacioni grandi, a te e alla tua nonna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, io l'ho provato anche crudo in insalata e mi è piaciuto moltissimo :-)
      Grazie tesorina, porterò il tuo bacio alla nonna 😘

      Elimina
  15. Carissima Consuelo sei una persona meravigliosa ed estremamente sensibile,che prova profondo affetto per sua nonna e glielo dimostra regalandole momenti di felicità e di serenità....sei un tesoro e tua nonna è fortunatissima ad averti come nipote,non tutti hanno la tua sensibilità e sono così attenti nei confronti dei nonni..tu sei speciale e ho una grande stima di te,sei una bellissima persona:)))).
    Mia nonna manca da quasi due anni e ti confesso che quando penso a lei riconosco quanto mi ha trasmesso in merito a valori..ma anche passioni(in primis quella per la cucina,lei era bravissima e in tutto...).
    Mi manca tantissimo e vorrei poterla riabbracciare....
    Ti faccio i miei migliori complimenti per questo primo piatto sano e al tempo stesso gustosissimo che hai realizzato:mi ispira troppo questo buonissimo pesto(peccato che da me non ho mai visto il cavolo riccio:( che abbinato ai gamberoni deve dare luogo ad un risultato strepitoso,bravissima come sempre!!!:)).
    Un bacione:)).
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy, posso solo lontanamente immaginare il vuoto che lascia una persona tanto amata...non ci voglio pensare a quando toccherà a me..
      Puoi sostituire il cavolo riccio con il cavolo nero e vedrai che ti conquisterà :-)

      Elimina
  16. La pasta con il cavolo è una delle mie preferite ma non ho mai pensato di accostare i gamberi..l'aspetto di questo piatto è magico mi hai regalato un sorriso grande come quello di tua nonna
    un bacio

    RispondiElimina
  17. Che voglia di mare!!! Quanto poco basta per rendere felice una persona, ma solo le persone buone e sensibili come te riescono a cogliere queste sfumature....mi convinco sempre più che la vita è una ruota che gira, quello che si semina prima o poi si raccoglie!!!
    Meravigliosa la tua pasta al profumo di mare e quel pesto gustoso è da provare, è aperta la caccia al cavolo riccio!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..quando si dona amore, prima o poi se ne riceve altrettanto, se non di più! Mia nonna è stata fondamentale nella mia vita e si merita tutte le attenzioni che gli dono..anche di più!

      Elimina
  18. Che tesoro che sei, sei stata proprio carina a regalare un momento di felictà alla tua nonnina. Ha scatenato tanti bei ricordi in te ma sicuramente anche in lei. Quei giorni che trascorreva con te erano sicuramente dei momenti di grande gioa. Lo vedo quando mia mamma ha le nipotine, sono per lei i momenti più belli dell'anno.
    Ti confesso che il pesce nella pizza non mi piace, molto meglio questo sugo per la pasta. Bisogna proprio che cerchi questo famoso cavolo riccio perchè tutte le volte che vedo le tue ricette con questo cavolo mi viene l'acquolina in bocca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e aspetta di leggere quella di lunedì :-P
      Grazie Elena 😘

      Elimina
  19. Mi hai fatto davvero emozionare, sarà che anche io provo un amore immenso per mia nonna e che con lei ho un rapporto meraviglioso. Per me lei è un'amica ancor prima che una nonna. Il tuo fuori programma è stato davvero una gran bella idea così come il pranzo che l'ha seguito... Non ho mai mangiato il pesto di cavolo riccio, dovrei provarlo!
    Bravissima Consu, le tue ricette sono sempre super originali e ricche di amore e fantasia!
    Ti auguro una buona giornata!
    Meggy

    IMPOSSIBILE FERMARE I BATTITI //PAGINA FB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Meggy, sei davvero dolcissima ❤️
      A presto!

      Elimina
  20. E hai fatto benissimo... anch'io da mesi voglio portare al mare la mia mamma, nella speranza che almeno riesca a camminare di nuovo un po', perché so quanto lo ami e quanto le sia costato rinunciarvi per problemi di salute.
    Lo sai che questo piatto di pasta è strappetitoso? C'è il sapore del mare e la verdura che tanto amo... promosso a pieni voti :)
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tati...vedrai che anche la tua mamma sarà felice di un "fuori programma" del genere :-)

      Elimina
  21. Mi sono emozionata Consu.....sei una nipote meravigliosa e l'amore per tua nonna si percepisce dalle tue parole!
    La ricetta è perfetta: bella alla vista, meravigliosa (senza ombra di dubbi) al palato!
    Bravissima come sempre zietta mia.
    Ti abbraccio forte e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dolcissima Sabri <3
      Buon we anche a te!

      Elimina
  22. Mi sono un po' emozionata nel leggerti, sai? Ho proprio immaginato la scena, la macchina che si ferma vicino al mare, una signora anziana sorridente, una ragazza accanto a lei, i cuori che battono, la tenerezza, l'affetto... quando succedono certe cose, il piatto che si mangia poi è ancora più buono, perchè la pancia è aperta e felice...
    Mai provato il pesto di cavolo riccio ma amando ogni tipo di pesto, dovrò fare la sua conoscenza! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Franci 😍 ti manda un bacio anche la mia nonnina 😘

      Elimina
  23. Che dolcissimo pensiero e racconto.
    Il mare placa tutto.
    Ma lo sai che è da un pò di tempo che sto cucinando anch'io tantissimo il cavolo riccio?
    Buona settimana Consu

    RispondiElimina