martedì 29 maggio 2018

PanBrioche al burro e miele a lievitazione naturale

C'è poco da fare, solo mettere le mani in pasta sa darmi questa soddisfazione! La magia della panificazione, combinare insieme pochi ingredienti, sentirli prendere consistenza, lievitare come se fosse la cosa più naturale al mondo e poi crescere appena arrivano nel forno, colorarsi, profumare tutto l'ambiente circostante di un odore così buono, quasi indescrivibile che sa regalare il buonumore anche in una giornata storta. Insomma io e la mia bread-theraphy ormai conviviamo armonicamente da anni e non potrei rinunciarci per niente e nessuno...almeno finchè quel pargoletto che ho nella pancia non si deciderà ad uscire e allora molte cose dovranno ridimensionarsi. Non mi illudo e so che il tempo per panificare sarà poco, almeno i primi tempi. Infatti ho già assodato un'amica per rinfrescare il mio lievito madre nel caso non riuscissi a fare nemmeno quello! Di sicuro non lo voglio abbandonare a se stesso e lasciar morire in quel barattolo in frigo, nossignore quello no! Ma di inventarsi nuovi impasti, attendere le lunghe lievitazioni, calibrare le temperature ed i sapori, sarà un po' difficile. Quindi mi sbizzarrisco adesso che posso!


Come forse vi ho già accennato, sto facendo un po' di scorte in freezer per essere organizzata al meglio nel primo mese di vita del mio bimbo, quando tutte le mie attenzioni ed energie saranno concentrate solo su di lui. Ho fatto barattoli di sughi, sacchetti di cereali e legumi già cotti pronti solo da essere scongelati, verdure grigliate e carne/pesce al naturale semplicemente da cuocere alla piastra o al vapore al momento del pasto. In questo modo ho la certezza che riuscirò a non trascurare la mia attenta alimentazione, ma senza lo stress di dovermi mettere ore ai fornelli o, ancor peggio, dover cedere alle lusinghe del take-away non sempre molto healthy.
Anche il pane fa parte di queste scorte che, da brava "formichina", ho messo via in quest'ultimo mese. Ne ho sfornati un bel po', soprattutto integrali per finire la farina che più rischia di sciuparsi con l'arrivo del caldo, poi panini, ciabattine e qualche focaccia tagliata già a pezzi. Presto vi renderò partecipi anche di alcune delle ultime sfornate ma nel frattempo mi voglio concentrare su questo panbrioche nato dalla mia recente passione: burro e miele! 


Una mattina, al momento della colazione, mi sono resa conto di aver terminato la confettura e non mi andava di aprirne una nuova. Quindi ho sbirciato dietro l'anta della dispensa ed il miele di melata mi ha strizzato l'occhiolino. Una fetta biscottata, un velo di burro (quello buono di montagna), in filo di miele e mi si sono aperte le porte del paradiso! Ho dovuto subito inserire questo mix di sapori in un impasto per non dimenticare e per averlo a portata di mano durante una delle mie (...purtroppo già presenti...) futuri notti insonni o sveglie all'alba!


Ingredienti x1 stampo da plumcake 11x27cm:

prefermento
120 g di farina di tipo1*
100 g di acqua naturale a t.a.
60 g di lievito madre attivo**
impasto
prefermento maturo
350 g di farina di tipo1*
150 g di farina integrale*
180 g di latte scremato***
30 g di burro bavarese
1 cucchiaino colmo di polvere d'arancia*****
1 pizzico di sale integrale
finitura
1 tazzina di latte scremato***
1 cucchiaino di miele di melata della Garfagnana****

Note:
*Macinata a pietra.
**Rinfrescato e al raddoppio.
***Io ho utilizzato un latte ad alta digeribilità ma potrà essere sostituito con latte intero, p.scremato o vegetale a piacere.

****Il miele di melata (di cui vi avevo già ampiamente parlato qui) ha un sapore molto intenso ed aromatico. Se desiderata una dolcezza più neutra, consiglio di optare per un miele di acacia o millefiori.
*****Sostituibile con scorza di agrumi freschi, cannella, vaniglia, fava di Tonka o il vostro aroma preferito.

Ho effettuato l'impasto in planetaria con il gancio ad uncino ma si otterranno ottimi risultati anche lavorando a mano o in un capiente mixer.

In una ciotola sciogliere il lievito madre nell'acqua, quindi incorporare la farina con una forchetta fino ad ottenere un composto omogeneo. Coprire con il suo coperchio o con pellicola trasparente. Far lievitare in un luogo lontano da correnti d'aria per 24ore.
Versare il prefermento maturo nella ciotola della planetaria insieme al miele, la polvere d'arancia ed il latte. Lavorare brevemente, quindi incorporare tutta la farina e portare ad incordatura.
Inserire un dadino di burro freddo alla volta e lavorare finchè le pareti della ciotola non sono perfettamente puliti e l'impasto di nuovo incordato.
Infine far assorbire il sale e fermare la macchina.
Rovesciare l'impasto sul piano di lavoro e praticare una serie di pieghe a libro.
Formare una palla e adagiarla nella ciotola. Coprire con pellicola e far lievitare lontano da correnti d'aria fino al raddoppio (io ho impiegato 2ore e mezza).
Rovesciare l'impasto lievitato sul piano di lavoro e dividere in 4 pezzature uguali (circa 263g cadauna). Formare dei filoncini assottigliati alle estremità ed intrecciare.
Chiudere bene le estremità e sigillarle sotto la treccia. Adagiare in uno stampo da plumcake rivestito da carta da forno. Sigillare con pellicola trasparente e far lievitare circa 2 ore e mezza o fino a che raggiunge il bordo dello stampo.
Sciogliere a fiamma dolce il miele nel latte, far intiepidire. Spennellare la superficie.
Cuocere in forno statico preriscaldato a 250°C per 15 minuti, ponendo la teglia nell'ultimo ripiano in basso. Abbassare la temperatura a 200°C e proseguire la cottura per altri 20 minuti. Dopo 10-15 minuti, estrarre il panbrioche dallo stampo e adagiare sulla teglia.
Abbassare la temperatura a 180°C e completare la cottura per altri 10 minuti.


Valutare sempre i tempi di cottura e le temperature in base al proprio forno. Se vedete colorire troppo la superficie, coprirla con un foglio di alluminio e proseguire la cottura.
Sfornare e spennellare ancora con latte e miele. Far raffreddare completamente su una gratella coprendolo con un foglio di carta da forno o alluminio per mantenerlo umido e morbido.
Una volta freddo, tagliare a fette.


Consiglio di mettere le fette già tagliate in sacchetti da freezer ben chiusi. 
Si conservano per 1 settimana in frigorifero o per 3 mesi in freezer.
Basterà tostarli sotto i grill caldo del forno prima di servire.


Un pane ottimo da utilizzare al posto delle classiche fette biscottate, non troppo dolce e che ben si sposa anche a confettura o allo stesso miele.


Dono questa ricetta alla raccolta

46 commenti:

  1. ma che meraviglia! come ci affonderei i denti! gnam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah..grazie ^_^ lo prendo come un complimento ^_*

      Elimina
  2. MI piace questa "formichina"! Fai benissimo a prepararti con scorte. Io non mi aspettavo l'arrivo di un neonato (il secondo figlio) e mi sono trovata impreparata al massimo! Per tre anni ha mangiato rigorosamente ogni 2 ore! Quindi non ha mai dormito per più di due ore ahahahaha! Avendo passato i suoi primi 3 mesi a stecchetto in un lettino, ha pensato bene di recuperare... Vedrai che il tuo inquilino si troverà presto a massaggiare le gengive su una crosta di pane fresco fatto da te e sarà il pane più bello che avrai mai fotografato! Per la panbrioche non commento. Posso solo contemplare (incapace io... :D )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara x aver condiviso con me la tua esperienza :-)

      Elimina
  3. sweetmiaomiao29 maggio 2018 10:01
    Un bellissimo lievitato sembra molto morbido , consuelo quanto manca alla nascita del.piccolo poco vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è un vero piacere x il palato e tostato a colazione è la fine del mondo :-P
      Finisco il tempo il 10 giugno ma spero nasca prima ^_*

      Elimina
    2. Allora da oggi si inizia con il countdown 😁!!

      Elimina
  4. Meraviglioso! Chissà che morbidezza, che profumo e che gusto! Un bacio

    RispondiElimina
  5. Puoi sempre congelarlo il lievito madre, lo congelano anche i grandi chef dei lievitati (io farei meno testo 😄, tuttavia nel periodo caldo ogni anno lo metto in freezer senza problemi come mi ha insegnato tantissimo anni fa il mio panettiere), detto ciò ... questo pane è veramente una meraviglia che con quel ricciolo di burro e quel miele ingolosisce tantissimo. Cambia la luna arriva il momento 💪💪💪

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento ho deciso di non congelarlo ma me la tengo come opzione B ^_*
      Grazie Simo, purtroppo della luna non glien'è fregato niente..sigh sigh

      Elimina
  6. Ma che brava e previdente che sei, io mai mi sarei sognata tutta questa organizzazione quando aspettavo... E infatti poi ho avuto qualche problemino! Non so, però, se quelle fettine impilate una sull'altra arriverebbero in freezer, forse me le mangerei prima! Burro e miele, poi... Sublime! Il tuo bimbo è fortunato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara :-) ho scoperto questo abbinamento da poco ma ne sono già dipendente :-P

      Elimina
  7. Ammiro questa tua capacità organizzativa, le tue scorte in freezer, i tuoi pani e questo panbrioche con burro e miele mi fa una gola.... :)
    Dai che manca poco ;)
    Ti...vi abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela :-) ora come ora ti servono delle belle braccia lunghe per abbracciarci :-P

      Elimina
  8. Tesoro bello, farai quel che potrai e nel tempo che avrai a disposizione. Sta per iniziare un'avventura bellissima e impegnativa allo stesso tempo. Una cosa è certa, quell'esserino, avrà una mamma super! Che gli preparerà delle cose buonissime ;) Questa brioche è spettacolo! Bacini, e mi raccomando! <3

    RispondiElimina
  9. che spettacolo questra trecciona rustica e profumata. fa davvero venire voglia di mettere subito le mani in pasta...oltre che addentarne al volo una fetta :) un bacione, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede ^_^ allora sono riuscita nel mio intento ^_*

      Elimina
  10. mamma mia che spettacolo O_O sei bravissima <3

    RispondiElimina
  11. La lievitazione più grande è quella che stai vivendo e che dura 9 mesi... :-) Vedi, certe cose facevano già parte di te, ehehe! Sono sicura che la pausa dagli impasti sarà breve, riuscirai a organizzarti e chissà quante cose insegnerai un domani... ;-) Ma un passo alla volta, adesso c'è questa treccia soffice che ti fa compagnia ogni mattina e ha tutta la dolcezza del miele!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah..non ci avevo pensato a vedere la "lievitazione" in questo modo :-P
      Grazie Franci e a presto <3

      Elimina
  12. Chissà che buono! :)

    https://julesonthemoon.blogspot.com

    RispondiElimina
  13. Questa è la colazione perfetta!!!
    Nuovo post “Due nuovi look TUC TUC per un’estate colorata” ora su http://www.littlefairyfashion.com

    RispondiElimina
  14. Quanto ti faccia bene la tua bread-therapy arriva distintamente anche a noi. Lo sai io sono sempre ammirata e trovo unico che tu faccia le scorte x la vostra famiglia così da gustarvi quello che le tue mani creano con amore insieme al frutto del vostro amore 🤗

    RispondiElimina
  15. Ottima colazione anche per me con il miele di melata che adoro, sei veramente ammirevole le tue scorte sono da invidiare sia per la varietà ma soprattutto per la tua organizzazione. Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  16. Troppo grande la passione per i lievitati.....sono sicura che anche con il piccolo riuscirai a mettere le mani in pasta e comunque hai fatto benissimo a provvedere alla ricca scorta!!!
    Complimenti un panbrioche fantastico!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lauretta, spero anch'io di poter continuare a curare il mio lievito ed impastare..al momento non mi voglio illudere :-P

      Elimina
  17. che brava, e che previdente che sei! ti ammiro tanto, veramente, per non smettere mai di prenderti cura di te attraverso il cibo. questa è la dimostrazione che anche se il tempo è poco (e la pancia è grande!) con la passione e la dedizione si può far tutto. immagino la tua dispensa-congelatore piena di tesori come questo e ammetto che un po' ti invidio! complimenti cara, e un grande abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tizi ^_^ quando si ha una grande passione, si trova il tempo e la forza di coltivarla..in ogni condizione ^_*

      Elimina
  18. Brava la mia formichina che mette via per tempi inoperosi dal punto di vista culinario ma sarà tanto impegnativo sotto altri profili. E fai bene a essere previdente. Ottimo questo Panbrioche, bello cicciotto e sano. Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. io amo organizzarmi e avere dei cibi congelati è una soluzione perfetta. Ho il vizio anche io di congelare soprattutto la verdura. Meraviglia questo pane *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, fai bene! Il freezer è un bell'aiuto nei momenti più impegnativi della vita ^_*

      Elimina
  20. Bravissima, molto invitante e che profumino!!!!!

    RispondiElimina
  21. Spettacolare... semplicemente, spettacolare!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    RispondiElimina
  22. e io intanto mi prendo questa ricetta golosissima e poi aspetteremo.... certo, avrai mooooolto di meglio da fare che rinfrescare il lievito, sarà bellissimo vedrai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandrina...nel mio cuore c'è una piccola speranza di riuscire a conciliare anche la cucina con il pargoletto..chissà..

      Elimina