martedì 24 aprile 2018

Pane piatto ad alta idratazione con farina di tipo 2 e lievito madre

L'aria che entra dalla finestra aperta e porta con sé l'odore dei glicini in fiore; la pelle appena scottata dal primo sole, dopo una lunga passeggiata con Amelia, leggermente detersa con olio di mandorle dolci; il profumo del pane che cuoce in forno ed invade la casa; io che mi godo questo momento di relax, coricata sul divano accarezzando la mia pancia che si muove come se dentro ci fosse il diavolo della Tasmania! Sto vivendo una fase della mia vita così diversa, imprevedibile e ricca più che mai di emozioni. Tutto sta cambiando, il mio ventre è ormai gonfio e tirato tanto da far fuoriuscire l'ombelico come se fosse un bottone; la casa sta prendendo nuove forme e gli spazi si stanno ridimensionando. Nonostante tutta questa rivoluzione non ho perso le buone abitudini, anzi, proprio per la condizione in cui mi trovo, mi impegno al massimo per mantenerle. Attività fisica e sana alimentazione sono in cima alla lista. Fare il pane in casa una coccola a cui non voglio e non devo rinunciare.  


Ingredienti:

autolisi 3 ore
500 g di farina di tipo 2 macinata a pietra
300 g di acqua naturale a t.a.
impasto
massa autolitica
100 g di acqua naturale a t.a.
90 g di lievito madre attivo*
8 g di sale integrale
1 cucchiaino di miele di castagno
1 cucchiaino di olio e.v.o. x la ciotola
Farina di tipo 2 macinata a pietra q.b. x il piano di lavoro

*Rinfrescato e al raddoppio.

Ho effettuato l'impasto in planetaria. Si potranno ottenere ottimi risultati anche lavorando a mano (essendo un impasto molto idratato, bisognerà munirsi di tanta pazienza) o in un capiente mixer.

Nella ciotola della planetaria versare la farina e l'acqua. Lavorare brevemente con il gancio a foglia fino a far assorbire tutto il liquido. Coprire e far riposare a temperatura ambiente per 3 ore.
Aggiungere, quindi, alla massa, il lievito madre spezzettato e il miele. Iniziare a lavorare a bassa velocità con il gancio ad uncino, versando piano piano l'acqua. Portare ad incordatura aumentando la velocità. Infine far incorporare il sale.
Fermare la macchina, pulire il gancio con un tarocco e coprire l'impasto per 20-30 minuti.
Ungere d'olio una ciotola capiente e versarci l'impasto. Inumidirsi le mani e praticare una serie di pieghe in ciotola. Coprire e far riposare per 30 minuti. Ripetere le pieghe per altre 2 volte ad intervalli di 20-30 minuti.
Spolverare il piano di lavoro con abbondante farina e rovesciarci l'impasto. Praticare una serie di pieghe a libro e formare una palla.
Infarinare generosamente un cestino da lievitazione** e adagiarci l'impasto. Sigillare con pellicola trasparente e trasferire in frigorifero per 24 ore.
Preriscaldare il forno in funzione statica a 250°C per 30 minuti, ponendo sull'ultimo ripiano la griglia con sopra la pietra refrattaria***.
Togliere il cestino dal frigorifero e rovesciare il pane su una teglia rivestita di carta da forno. Incidere a piacere la superficie.


Infornare subito sulla pietra calda, aiutandosi a far scivolare il pane con la carta sottostante.
Cuocere per 20 minuti, poi aprire per qualche istante a spiffero lo sportello del forno e far fuoriuscire il vapore. Abbassare la temperatura a 200°C e cuocere ancora 20 minuti. Poi portare il forno a 150°C e terminare la cottura per altri 10-15 minuti.
Valutare sempre le temperature ed i tempi di cottura in base al proprio forno.
Sfornare e far raffreddare su una gratella.


Una volta che il pane è completamente raffreddato, sarà possibile tagliarlo a fette.


note:
**se non si possiede un cestino da lievitazione, basterà utilizzare un grande scolapasta rivestito con un telo di cotone o lino (non trattato con detersivi).
***se non si possiede la pietra refrattaria (acquisto che consiglio vivamente di fare) si potrà preriscaldare una placca da forno ed utilizzarla nello stesso modo della pietra. 


consigli di conservazione:
-a fette in sacchetti di plastica da alimenti, in frigorifero 10 giorni o in freezer per 3 mesi. Scaldare nel forno caldo prima di servire.
-intero in un sacchetto di carta, a temperatura ambiente per circa 6-7 giorni. Fare attenzione a tenerlo lontano da fonti di calore e teme l'umidità.


Non avevo ancora provato questa farina di grano tenero macinata a pietra di un noto mulino locale. La Tipo 2 macinata a pietra può essere considerata un semi-integrale dove la presenza di crusca è bassa, in quanto il prodotto passa attraverso uno staccio che toglie la parte della cruscale più grossolana, mantenendo però al suo interno tutto l'aspetto nutrizionale del germe e parte della buccia del grano. 
Il sapore è più intenso ed aromatico della Tipo 1 e più gradita in casa rispetto ad un integrale puro come sono solita utilizzare io. Esperienza sicuramente da ripetere anche nelle frolle.


Dono questa ricetta alla raccolta

60 commenti:

  1. Litigo costantemente con gli impasti molto idratati. La pazienza che indichi, è legata unicamente al fatto che ti si appiccichi tutto fino al gomito? :D
    Bella l'immagine che trasmetti, Consu. E fantastico è il profumo di questo pane, che arriva fino a qui ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah..esattamente! Impasto liquido, massima pazienza :-P

      Elimina
  2. Non si può rinunciare no a un pane così perfetto! Bravissima Consu come sempre, un abbraccio grande grande a presto :)

    RispondiElimina
  3. che buono,m piace tanto e fai bene a prenderti i tuoi spazi, a rispettare le tue regole,un bacione a te e al tuo bel pancione

    RispondiElimina
  4. Molto presto dovrai cambiare il titolo al tuo blog : "il pane di mamma Consu!" ;-)
    che gioia, tesoro! nuove emozioni, nuove realtà, ma il profumo del pane appena sfornato sempre per casa! Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari..simpatica l'idea x il nuovo nome del blog :-P

      Elimina
  5. favoloso questo pane, basta guardarlo per capire che è perfetto!
    un abbraccio cara, felice giornata di primavera :)

    RispondiElimina
  6. Sei proprio bravissima, fai bene a mantenere le tue buone abitudini. Fare il pane poi fa bene con solo al corpo ma anche all'anima quindi viva il pane fatto in casa ;-)

    RispondiElimina
  7. Posso sentire il profumo di questa meraviglia fino a dietro il monitor. Buonissimo e bellissimo... quanto vorrei tornare a panificare anche io con la mia pasta madre. A presto LA

    RispondiElimina
  8. E fai benissimo a non perderle le buone abitudini ... dopo, per un certo periodo te le farà perdere lui, per forza! Fai scorte in freezer :) UN abbraccio grande

    RispondiElimina
  9. E' un periodo bellissimo quello che stai vivendo, ricco di grandi emozioni . Il tuo pane come sempre è spettacolare, qui neppure al panificio ne fanno di così belli e buoni. Un grande abbraccio Consu

    RispondiElimina
  10. Cercavo una ricetta con la farina tipo 2...perfetto!

    RispondiElimina
  11. Hi! lovely blog:D If you want to follow each other blogs please come to my blog and tell me, ill follow you instantly!
    https://leerenlaluna.blogspot.com.es

    RispondiElimina
  12. Che bel pane Consuelo....me lo immagino a colazione...magari con una bella congfettura di frutti di bosco....che bontà!!! Sei super, baci!

    RispondiElimina
  13. Che bella la descrizione.. che bel periodo di cambiamento deve essere fisico e psichico.. goditelo!!! Io invece ammiro un altro dei tuoi meravigliosi pani.. un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudia, mi sto assaporando al massimo l'attesa :-)

      Elimina
  14. I tuoi pani sono sempre una meraviglia.... brava!!!

    RispondiElimina
  15. Incredibilmente invitante, sei una super esperta meriti davvero di fare strada
    baci

    RispondiElimina
  16. Parece ser muito bom, e que desenho bonito que fica em cima amei...
    Beijokas da Camila e Carol

    Estamos de volta, já tem post novo no blog

    Vamos Papear 

    RispondiElimina
  17. Che bello questo racconto della tua maternità, sei brava a continuare nella tua attività di panificatrice con impeccabile risultato nonostante l'affatticamento della pancia. Mi viene da pensare che bimba (o bimbo?) fortunata sarà a mangiare un domani pane e marmellata fatti da te. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena :-) spero tanto che apprezzerà..intanto lo assaggia tramite me ^_^

      Elimina
  18. e tu goditi questo momento di vita, respira a pieni polmoni e sii felice, ombelico a bottone compreso!
    il pane? che te lo dico a fare creatura bellissima, è stupendo! inserisco nella raccolta, grazie Consu!!!!

    RispondiElimina
  19. Il tuo pane è sempre bellissimo, veramente complimenti. E anche bellissimo è il periodo che stai vivendo, sicuramente uno dei più belli della vita di una donna, fai benissimo a godertelo fino in fondo!

    RispondiElimina
  20. È davvero una meraviglia... io amo il pane e se nn ne mangio almeno due fettine ho sempre l'impressione che il pasto sia incompleto.

    Nettaredimiele.blogspot.it

    RispondiElimina
  21. Un pane stupendo che profuma di casa e attenzioni ^_^ le stesse che dedichi al tuo bimbo che non è ancora arrivato a scalciare nella culla :)
    Prosegui con le buone abitudini e il prossimo anno farai il pane per la merenda del cucciolo.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela :-) lo aspettano merende a base di pane e olio come facevo io da piccola :-)

      Elimina
  22. Ottimo il tuo pane nonostante i tempi lunghi lo preferisco in assoluto. Sarai una mamma bravissima ne sono certa. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  23. Che bello questo pane, già me lo immagino a colazione con sopra un velo di confettura di fragole, deve essere una bontà!! Un abbraccione e goditi il momento :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Bea :-) ti garantisco che con la confettura di fragole è una vera bomba :-P

      Elimina
  24. Ciao Consuelo ho usato anch’io qualche volta la farina tipo 2 ed effettivamente il gusto e piacevole rispetto alla integrale classica. Le buone abitudini poi cambieranno, per un po’, per altre priorità :) ma intanto goditi questi momenti e la ”panzona”. Buona serata baci Luisa

    RispondiElimina
  25. Il tuo piccolo coccolato dal profumo della tua cucina e dalla bontà dei tuoi pani cresce in una nuvola ulteriore di Amore!

    RispondiElimina
  26. Che belle immagini che ci regali! No, non del pane che quello non lo commento nemmeno! Che belle immagini della tua attesa! Goditi ogni attimo, perché anche se dovessi farne 1O di figli questi momenti sono unici! Cosa non darei per un tozzo di pane fatto da te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, mi sto godendo ogni istante ed assaporando l'attesa :-)

      Elimina
  27. Ottimo il tuo pane, anchio lo adoro anche se i tempi si allungano un pò, ne vale la pena. Sarai una bravissima mamma, ne sono certa. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani, le tue parole mi riempiono il cuore di gioia <3

      Elimina
  28. Questo pane ieri mi ha fatto sognare luoghi cari della mia infanzia! Luoghi dove ho mangiato il miglior pane della mia vita... Sarà perché questo pane me lo ricorda proprio?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..sono davvero felice di averti fatto rivivere queste emozioni <3

      Elimina