venerdì 17 luglio 2015

Friselle alla semola e farina di mais a lievitazione naturale

Oggi non potrei essere più felice! Il 13 settembre finisco la stagione lavorativa ed il 14 parto per il Salento per una splendida (si, so già che lo sarà..) settimana di vacanza con mio marito! Sto già studiando la guida per pianificare il nostro tour-on-the-road e mi sono soffermata sul capitolo riguardante la cucina ed i piatti tipici (lo mettevate in dubbio!?). Ho evidenziato un paio di cosette che gradirei assaggiare e quando ho letto di queste friselle mi si è accesa la lampadina: perché non anticipare questo sapore riproducendole in casa?!
Sicuramente non saranno come le originali e probabilmente non sarà la ricetta della tradizione, ma vi assicuro che le mie papille gustative hanno esultato e si sono sentite già in vacanza! 
Per l'impasto, oltre al mio insostituibile lievito madre, ho utilizzato una semola a me cara che mi faccio spedire direttamente da Matera, la Senatore Cappelli ed ho completato il sapore con un pizzico di farina di mais macinata nel mio mulino di fiducia..posso modestamente affermare che è stato un incontro alquanto perfetto!


Per chi non lo sapesse...
La friselle sono una sorta di ciambelle secche e fanno parte delle specialità tipiche della cucina pugliese. Sono un prodotto da forno nato dallo spirito pratico, infatti, costituivano l'ideale "pranzo al sacco" per i braccianti al lavoro nei campi. 
Vengono fatte rinvenire in acqua e, una volta ammorbidite, si condiscono con pomodori, olio d'oliva e origano.
Personalmente le ho fatte rinvenire direttamente con l'acqua di vegetazione dei pomodori freschi ed è stato amore al primo assaggio!!!


Dose x 22-23 friselle:

430 g di semola rimacinata di grano duro Senatore Cappelli
70 g di farina di mais macinata a pietra
400 g di acqua naturale a t.a.
100 g di lievito madre attivo*
1 cucchiaino di miele d'acacia bio
10 g di sale fino marino
Olio e.v.o. q.b. x ungere la ciotola

*Rinfrescato e al raddoppio.

In una capiente ciotola versare le due farine e 300 g di acqua. Mescolare velocemente con una forchetta fino a far assorbire tutto il liquido e far riposare per 30 minuti.
Nel frattempo sciogliere il lievito nei rimanenti 100 g di acqua insieme al miele. Unire l'impasto precedentemente preparato e far incordare, per ultimo incorporare il sale (ho fatto questo passaggio in planetaria con il gancio ad uncino).
Far riposare almeno 10 minuti l'impasto, poi spolverare di farina di mais il piano di lavoro e rovesciarcelo. Praticare una serie di pieghe a libro e formare una palla.
Riporla nella ciotola leggermente unta d'olio e coprire con pellicola trasparente. Trasferire in frigorifero per 18-20 ore.


Spolverare il piano di farina di mais e rovesciarci l'impasto ancora freddo di frigorifero. Dividere in pezzature da 90-95 g e far riposare 5 minuti. Formare con ogni panetto un salsicciotto e chiudere a ciambella. Riporre ogni forma su 2 teglie rivestite di carta da forno.
Nel frattempo preriscaldare il forno a 200°C ponendo sul fondo una ciotola colma d'acqua per la formazione del vapore.
Cuocere ogni teglia per 20 minuti. Sfornare e far intiepidire le ciambelle su una gratella. Poi tagliare a metà e cuocere ancora in forno ventilato a 200°C (senza vapore e con lo sportello a spiffero) 8-10 minuti per lato fino ad ottenere un prodotto croccante e "biscottato".
Sfornare e far completamente raffreddare su una gratella.


Una volta fredde si conservano in barattoli di vetro o di latta per diversi giorni, fino a 10 (di più non posso testimoniare!!!). 


In alternativa si possono chiudere in sacchetti da freezer sigillando bene l'apertura per non compromettere la loro caratteristica friabilità. 


Ricordarsi che temono l'umidità ma basterà ripassarli nel forno caldo per ottenere nuovamente un prodotto dalla fragranza invidiabile!  


Ottime da servire come antipasto con una fresca dadolata di pomodori maturati al sole, qualche foglia di basilico e un filo d'olio buono.


La farina di mais dona una nota rustica davvero piacere ma potrete sempre ometterla sostituendola con pari peso di semola.

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Panissimo

70 commenti:

  1. Bravissima Consu! Le friselle sono eccezionali e tu sei stata bravissima.
    Ciao, buona caldissima serata!
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziana, detto da te è davvero un bel complimento :-)

      Elimina
  2. ma che buone!!!!!!!!le voglio anch'ioooooooo sei un portento tu!!!

    RispondiElimina
  3. Che brava che sei stata, complimenti, non sono semplici!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giuliana, mi fa molto piacere il tuo gradimento :-)

      Elimina
  4. Le sgranocchierei volentiere le tue freselle!!!!
    Happy WE doll!!!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    My Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, non sai come vorrei potertele offrire :-)

      Elimina
  5. da quanto ho in mente di fare le friselle e ancora non ci riesco! sono splendide, da far invidia a quelle dei migliori panifici del Salento. l'aggiunta di farina di mais insieme alla semola Cappelli è la ciliegina sulla torta :)
    un bacione, buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede :-) 6 davvero troppo gentile :-)

      Elimina
  6. Sono venute molto bene e così, tengono anche di più e si possono sgranocchiare quando si ha voglia ! Buona vacanza !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, sono un perfetto salva-pasto ^_*

      Elimina
  7. Stupendeeeeee!!! Le adoro Consu!! Sei un mito!!
    Buon we!!!

    RispondiElimina
  8. E buona vacanzaaaaaa!!! Te la meriti di brutto!!

    RispondiElimina
  9. Eeeeeeeeh Consu... questo è un sapore tipico della mia infanzia... e seppure non pugliese, la mia nonnina d'estate quano faceva troppo caldo per cucinare ci preparava sempre le friselle con i pomodorini, mozzarella e olive nere di Gaeta! Una bontà che posso solo sognarmi! Le tue devono essere buonissime... la "faccia" è quella, non si può dire di no... chissà il gusto! Già sto assaporando!
    Gnammmmm! *_*
    Si vede che hai dato giustizia alla fantastica meta scelta per la vostra vacanza! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro, sono davvero felice che grazie alla mia ricetta tu abbia riportato alla memoria dei bei ricordi :-)

      Elimina
  10. Ciao Consu! Finalmente riesco a passare da te...è un periodo che non riesco a stare molto dietro al blog, ho voglia di vacanze e tra qualche settimana vado qualche giorno in Liguria dai miei!
    Non sono mai stata in Puglia ma le friselle le ho assaggiate da un'amica e sono fantastiche!!
    Mi salvo la ricetta x settembre :-) un bacioneeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo, buona vacanza e a presto <3

      Elimina
  11. Buone le friselle!! Ti sono venute benissimo, perfette! E che bello lavorare con una prospettiva di vacanza come la tua: il Salento poi è splendido. E brava consu!!
    Tanti baci buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro, in effetto aiuta avere già il pensiero in vacanza :-)

      Elimina
  12. Ahh il meritato riposo!!! :)
    Sono certa che sarà bellissimo, il Salento offre delle bellezze spettacolari ed una cucina davvero unica, ho dei meravigliosi ricordi! A quanto pare ti sei preparata alla grande, queste friselle sembrano deliziose, non so come fai ma sembra davvero che le tue foto sprigionino il profumo di quello che cucini!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Benedetta, non vedo l'ora di poter confermare le tue parole :-)

      Elimina
  13. Oddiooooooo ma sono bellissime queste friselle! io le adoro e ti adoro! si vede proprio la loro fragranza e croccantezza, guarda anche se sono le 8 del mattino io me ne mangerei una al momento, pure con i pomodorini!! brava Consu!! sono contenta che andrai in Salento, è una meraviglia! un caro abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia, mi fa molto piacere il tuo gradimento :-)

      Elimina
  14. Le friselle con una leggera strofinata di aglio, pomodorini, basilico e olio evo assolutamente toscano, sono la mia passione!
    Brava Consu, perchè non apri un locale di panificazione? Sei così brava!
    Tieni duro dai, tra poco si parteeeeee! Quella è zona di pane di Altamura? Il mio preferito in assoluto.
    Un abbraccio cara e buon w.e., Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lorena, mi fa piacere che ricetta e meta delle vacanze ti abbiano convinta ^_*
      Buona domenica e a presto <3

      Elimina
  15. Sìììì le adoro, sono fantastiche così rustiche, bravissima!!!!

    RispondiElimina
  16. Salento a settembre... Che meraviglia! Avevo proprio assaggiato le friselle lì è ogni tanto me ne torna voglia. Non sono certo un'esperta ma le tue hanno un ottimo aspetto!
    V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova questa ricetta e non potrai sbagliare :-)
      Grazie cara e felice domenica <3

      Elimina
  17. meravigliosa la puglia!!!!Non potevi scegliere di meglio!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  18. Che bell'anticipo di vacanza.....bravissima come sempre sia nella preparazione di queste fantastiche friselle che nell'accurata presentazione!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura, 6 sempre troppo gentile <3

      Elimina
  19. Io dico che sono perfette. Con la dadolata di pomodori poi .... ancora di più .
    Buona serata cara .

    RispondiElimina
  20. Mi ripeto da sempre che devo provare a fare le freselle col lievito madre. Saranno almeno due anni :) le ritrovo qui e la voglia di provarci è ancora più forte :) devo farle magari come piccola scorta da portare in vacanza e assaporare con tantissimi e succosissimi pomodori :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, spero che la mia ricetta ti convinta finalmente a provare a farle...sono sicura che non te ne pentirai :-)
      Tienimi aggiornata e felice domenica <3

      Elimina
  21. *______________* tu amica mia dovresti avere un forno tutto tuo!!!!

    RispondiElimina
  22. Conosco benissimo le Freselle, essendo io di origini pugliesi. Da bambini ci facevo le mie vacanze e la nonna spesso veniva a trovarci e ci portava tutte le leccornie che riusciva a caricare in treno. Ti sono venute benissimo. Non riesco a passare come vorrei e quindi, appena ho tempo, mi devo aggiornare su tutti i tuoi post. Ottimo il Clafoutis, io ho appena finito una crostata ai frutti di bosco, preparata per la festa di compleanno di mio marito, con tutti gli amici. Li adoro i frutti di bosco. Ottimo anche il suggerimento delle platesse, della bevanda fresca e della pasta alle zucchine. Insomma mi sono aggiornata su tutto. Ma come fai a pubblicare e cucinare così tanto? Buone vacanze ancora non te lo auguro ma buona domenica si. A presto tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry, mi fa davvero piacere la tua approvazione, soprattutto detto da una pugliese come te :-)
      Grazie ancora x la visita e i tuoi splendidi complimenti <3<3<3
      Buona domenica anche a te <3<3<3

      Elimina
  23. hai fatto un capolavoro e che foto !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara, sono felice che tu abbia gradito :-)

      Elimina
  24. Oh, il Salento! È da tempo nella mia lista dei luoghi da visitare...Settembre è un buon periodo per partire non posso che essere felice per te! E che dire di queste friselle? Buonissime! Ti direi quasi di spedirmene un pacchetto...qui fa tanto caldo per accendere il forno...m limito solo a rinfrescare il LM per non perderlo :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui è caldo ma non so proprio rinunciare al forno :-P
      Grazie x la visita..ti racconterò tutto del Salento, non vedo l'ora di partire :-)

      Elimina
  25. Uao Consuelo, queste friselle sono una meraviglia! Non so se in Salento usino la farina di mais, ma io trovo questa idea davvero geniale e sfiziosa per aggiungere un tocco rustico in più! La prossima volta che le faccio voglio proprio provare la tua variante :) Un abbraccio cara, buona settimana :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che non la usino ma a me piaceva metter un tocco rustico e tipico della mia zona :-) Diciamo che le ho un po' personalizzate :-P
      Grazie x aver gradito, aspetto con trepidazione il tuo parere post assaggio :-)

      Elimina
  26. Ciao dolcissima, devo dire che per essere una donna che lavora di dai parecchio da fare, mi ricordi me qualche anno fa, quando abitavo a Milano, tornavo a casa e facevo lasagne, crepes, rotoli di pasta ripieni, ravioli, tutti fatti da me persino la pasta! Adesso mi limito a cucinare piatti semplici ma che non richiedono tanto tempo, questo mi dispiace tantissimo, spreco troppo tempo in treno per tornare a casa, un ora per andare e un ora per tornare,, tra due anni esati torno a Milano, non vedo l'ora,, cosi massimo 20 minuti sono a casa tutta un'altra vita!
    Complimenti per questo splendido capolavoro, queste friselle sono una vera delizia per gli occhi e il palato!
    Conosco bene il Salento, è un posto incantato, ti consiglio di visitare Otranto ha un mare bellissimo, e la gente è fantastica!Santa Maria di Leuca , Marina D'ugento e Marina di Pesculuse la chiamano la piccola Maldive per i colori del mare e per la sabbia bianca e fine dove nelle sue dune crescono degli splendidi gigli bianchi, uno spettacolo di bellezza e magia! Se vuoi sto qui a raccontarti le meraviglie di questi splendidi luoghi sono andata li per otto estati per un mese intero!
    Bravissima tesoro mio è ancora complimenti per queste delizie!
    Un abbraccio e felice settimana!
    Laura♡♡♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti contatterò per farmi fare un dettagliato itinerario, allora :-)
      Grazie tesoro x aver gradito la mia ricetta, sono certa che con le tue manine d'oro ti verrebbe anche più belle :-)
      Felice settimana anche a te <3

      Elimina
  27. Meravigliose le frise, stupende con il pomodoro e incredibili se solo bagnate con l'acqua di mare, un piatto poverissimo che amo da sempre e che però non ho mai fatto, anche se onestamente è da un po' che mi tenta! Io non uso la pasta madre perché con me morirebbe subito, ma vorrei provarci con il lievito di birra liofilizzato... vediamo se ci riesco, il tuo è uno spunto ottimo!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tati, mi fanno molto piacere le tue parole e non vedo l'ora di sapere com'è andato il tuo esperimento in merito :-)

      Elimina
  28. Bravissima, Consu.
    L'aspetto è identico a quelle originali, le quali non prevedono la farina di mais. Ma, siccome il suo sapore piace molto anche a me, immagino stia bene anche con queste.
    E' stata sufficiente l'acqua di vegetazione dei pomodori per bagnarle? Perchè un pò ce ne vuole, eh...
    Se ti serve qualche dritta per la tua vacanza, chiedi pure.. il Salento a Settembre sarà una bella scoperta ;)
    Nel frattempo però riguardati, che ho letto del tuo piccolo incidente.
    E se passa quest'afa assurda, ci sta che provi una versione senza glutine di queste friselle.. che un pò mi mancano.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Angela, 6 davvero carina :-) L'aggiunta della farina di mais è una mia personale interpretazione infatti, nell'introduzione del post, ho specificato che non si tratta della ricetta originale..ma ti garantisco che ci sta proprio bene quella nota rustica :-P
      Il riposo (anche con l'infortunio) è rimandato a Settembre insieme alla vacanza e sarà un piacere avere qualche giusta dritta da parte tua :-) grazie ancora, ci sentiamo <3

      Elimina
  29. io son pugliese e non le ho mai fatte ma si può...brsvissims tu!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, detto da una pugliese non può esserci complimento migliore :-)

      Elimina
  30. ...mamma mia ma quanto sono belle!?
    ...non oso immaginare quanto debbano essere buone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, ti garantisco che sono più buone che belle :-P

      Elimina
  31. Che meraviglia... Anche se questo caldo non aiuta, impastare è ciò che più mi manca in questo momento...prendo nota di qst meraviglia e appena rientro in possesso della mia cucina mi metto all'opera!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, appena provi questa ricetta fammi sapere se ti ha soddisfatta :-)

      Elimina
  32. Mamma che buone, e quante ne ho mangiate!!! Sono buone sempre, al naturale, a mo' di bruschetta, inumidite e spezzate in un'insalatona.. Ti sono venute perfette, le proverò sicuro!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sai che piacere leggere le tue parole così piene di entusiasmo :-) Grazie di cuore e appena le provi fammi avere il tuo parere :-)

      Elimina
  33. Oddioooooo vai in Salentooo!! Che bella notizia Consu!! Lo sai che ho nel cuore quella terra <3 ma non vedo già l'ora di leggere il tuo reportage quando arriverà il momento! Quanto sono contenta!! Un bacione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo di questa tua passione e leggere questo entusiasmo mi fa ancora più venire la voglia che arrivi Settembre :-)
      Grazie della visita cara e a presto <3

      Elimina
  34. Consu sto scivolando con il ditino, (anche grazie al caldo) sui tuoi ultimi post e poi arrivo su questo e tolgo immediatamente il dito che qui non posso proprio scivolare oltre. Quanto sono belle qui sopra te l'hanno giá detto in tanti ma non posso non dirtelo pure io BRAVA!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marti, non sai che piacere leggere il tuo gradimento ^_^

      Elimina
  35. Ciao Consu,
    queste friselle sono stupende... complimenti!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, mi fa piacere che tu abbia gradito :-)

      Elimina