venerdì 22 marzo 2013

Finocchi in agrodolce

Come tutti i venerdì sera mi ritrovo con il frigo vuoto! Fin da quando abito da sola mi sono organizzata a fare la spesa settimanale, non sono mai riuscita a capire come faceva mia mamma ad andare tutti i giorni al supermercato! Secondo il mio punto di vista, oltre che uno spreco di tempo, si tende a spendere molto di più (non considerando quanto costa la benzina al giorno d'oggi). Io e mio marito abbiamo un magnete sul frigo dove segniamo mano mano quello che manca o è finito e il giorno della spesa ho già la lista fatta! Ho trovato un giusto equilibrio per ottimizzare tempo, energia ed economizzare al massimo le uscite (intese come spese!). Intendiamoci ho sempre qualche scorta in freezer e dispensa per ogni emergenza e di sicuro non rischiamo di fare la fame, ma i prodotti freschi alla fine della settimana sono tutti esauriti. Quindi bisogna armarsi di fantasia e creare qualcosa di piacevole con quello che si ha a disposizione.
Stasera la mia vittima è stato un finocchio, ultimo reduce degli acquisti di verdura fresca settimanale. Insieme a pochi altri ingredienti è nato un piatto gustosissimo che piacevolmente condivido con tutti voi!

Ringrazio tutti "i miei biscottini" che fino ad oggi mi hanno seguita e sostenuta in questa avventura..Grazie! 


Per una persona servito come piatto unico o due persone servito come contorno:

1 finocchio grande
1 scalogno
1 cucchiaio di uvetta
1 cucchiaio di succo di limone
50 ml di aceto balsamico
10 mandorle intere
1 cucchiaio di olio e.v.o.

Ammollare l'uvetta nell'aceto. Sbucciare e tritare finemente lo scalogno.

Il mio nuovo alleato in cucina
Di questo splendido attrezzino vi parlerò nel prossimo post

Lavare il finocchio, tagliare il gambo e ridurre a fette sottili con l'aiuto di una mandolina. In una larga pentola soffriggere lo scalogno con l'olio e il succo di limone allungato con acqua in modo che non si bruciacchi. Aggiungere il finocchio e mescolare, se il composto è troppo asciutto aggiungere ancora acqua. Chiudere con il coperchio e cuocere per 10 minuti a fuoco basso. A questo punto aggiungere l'uvetta ammollata con il suo liquido e mescolare. Aggiungere anche le mandorle e rimettere il coperchio. Sempre a fuoco basso far stufare per altri 10 minuti. Spegnere il fuoco e far riposare per altri 10 minuti.


Impiattare e servire tiepido.


Il finocchio riesce ad esaltare ed assorbire benissimo il sapore agro del limone e dell'aceto e il dolce retrogusto dell'uvetta e della mandorla. Anche chi non ama questa verdura si ricrederà con questa preparazione!

8 commenti:

  1. Buoni, buoni buoni! :D Complimenti per la leggerezza e la bontà delle tue ricette cara! Buon fine settimana! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro mio! Mi piace mangiare leggero ma con gusto :-)
      Buon WE anche a te :-*

      Elimina
  2. mai privati... sembrano buonissimi.

    RispondiElimina
  3. Se li provi non riuscirai più a farne a meno, te lo garantisco :-)
    :-*

    RispondiElimina
  4. complimenti una ricetta davvero niente male,sicuramente leggera...un abbraccio e buo W.E!

    RispondiElimina
  5. Grazie Maria :-)
    Buon WE anche a te!

    RispondiElimina
  6. Interessante il tuo Stralander; ma è elettrico?, non vedo il filo. Il tuo piatto sembra molto buono, peccato che a me i finocchi piacciono tanto crudi quanto non mi piacciono cotti (ma riconosco che sono io ad essere difettoso). Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. No è manuale e si può smontare tutto per lavarlo con facilità! ..ora mi faccio ingaggiare dall'Ikea per la vendita, mi piace troppo :-)
    La stessa ricetta la puoi fare anche con le bietole o il radicchio rosso..sono tutte varianti che ho testato e ti assicuro buonissime!
    :-*

    RispondiElimina