Pane Naan senza lievito con hummus di cavolfiore

Pane Naan senza lievito con hummus di cavolfiore.
In quest'ultimo periodo riesco a curare poco il mio lievito madre. Mi limito a rinfrescarlo 1 volta a settimana e magari ci faccio una pizza. Preparazioni elaborate, lunghe e che richiedono attenzione, bilanciamenti e troppi passaggi, al momento sono tabù. 
Vasco diventa sempre più impegnativo, adesso sto provando a fare l'inserimento al nido ed è più faticoso del previsto. Siamo alla terza settimana e ancora piange ogni volta che lo lascio..anzi, a dir la verità, inizia a piangere appena riconosce la strada. Mi sento sconfortata e allo stesso tempo in colpa.
Mille domande affollano la mia mente senza una risposta..starò facendo la cosa giusta? Sono solo egoista? E' questo quello di cui ha realmente bisogno?
Il nostro rapporto (quasi) esclusivo, non era più giusto per nessuno dei due. Lui ha bisogno di stare con gli altri bimbi, di essere stimolato con attività diverse e deve iniziare a fare i primi passi "da solo" nel mondo. Dall'altra parte, io necessito di tornare ad avere una vita e un minimo di tempo per me.
Per adesso nessuno sta usufruendo dei dovuti benefici ma forse col tempo...
Nonostante tutto, la voglia di impastare non mi è passata ed ho provato questo pane senza lievito davvero sfizioso e dalle note etniche. Abbinato all'hummus di cavolfiore è stato TOP! 
Ingredienti x2 porzioni:
Pane Naan
120g di farina tipo2
50 g di yogurt greco (0%grassi)**
30 g di acqua
1 cucchiaino di olio e.v.o.
1 punta di cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 pizzico di gomasio*
1 pizzico di zucchero integrale
Hummus di cavolfiore
1/2 cavolfiore lessato e raffreddato
1 cucchiaino di tahina
1 cucchiaino di gomasio*
1 cucchiaino di aceto di mele o succo di limone
2 grattate di pepe lungo 
Semi di sesamo per servie
*Il gomasio è una miscela di origine asiatica a base di sale marino e sesamo tostato. Costituisce una valida alternativa al sale per insaporire in modo delicato e limitare l'uso del sale comune.

Mescolare la farina con il gomasio, il bicarbonato e lo zucchero. A parte sbattere lo yogurt con l'acqua e l'olio. Unire i due composti e impastare energicamente. Avvolgere l'impasto in pellicola e trasferire in frigorifero per 30 minuti.
Nel frattempo preparare l'hummus. Mettere le cimette di cavolfiore in un capiente mixer insieme agli altri ingredienti e frullare finemente a crema. Se dovesse essere necessario aggiungere un paio di cucchiai di acqua a temperatura ambiente.
Trasferire in una ciotolina e decorare con una pioggia di semi di sesamo e una grattata di pepe lungo.
Riprendere l'impasto e dividere in due parti. Stendere ogni pezzo in un ovale sottile aiutandosi con un mattarello. Cuocere in una padella antiaderente dotata di coperchio pochi minuti per lato.
Adagiare nel piatto di portata e completare con un filo d'olio e.v.o., uno di tahina e semi di sesamo.
Servire.
Il pane Naan si conserva in frigorifero fino a 2 giorni avvolto in pellicola. Scaldare prima di servire. Può essere congelato.
L'hummus si conserva in frigorifero fino a 2 giorni ed è perfetto anche per preparare delle tartine vegetali o per mantecare la pasta.
**Per rendere completamente vegana questa ricetta, basterà sostituire lo yogurt greco con yogurt di soia non dolcificato.

Commenti

  1. Carissima Consu il momento dell'inserimento al nido è sempre un'evento difficile per entrambi, i sensi di colpa restano, ma tu hai già dato tutte le risposte. Un rapporto esclusivo non fa bene e Vasco ha bisogno di stare con altri bambini .... tanto la mamma ritorna sempre!!!
    Non conoscevo questo pane, molto interessante e ottimo l'abbinamento!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lauretta, è confortante sentirlo dire da una mamma che ha già vissuto la stessa esperienza..

      Elimina
  2. I remember well this momentos you are living Consu. Is difficult let our kids, is about time. .
    Like all moms we want to know he will be ok and happy.
    I love this recipe. Un abbraccio cara.

    RispondiElimina
  3. Tieni duro Consu, è normale che Vasco pianga, lo fanno tutti i bimbi. Ma è giusto che stia con gli altri bimbi, i bimbi devono poter interagire tra di loro, giocare, sperimentare cose nuove.
    Per quanto riguarda il pane, sai che ho un debole per queste ricette etniche. Ho provato il naan diverse volte ed è davvero ottimo, ma quello che mi ha davvero fatto venire gli occhi a cuoricino è questo hummus di cavolfiore. Non ci avrei mai pensato, è FAVOLOSO!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ele <3 sia per le tue parole di supporto che per aver gradito la mia proposta ^_^

      Elimina
  4. Oh so good and different recipe
    xx

    RispondiElimina
  5. Proverò anche questo tuo suggerimento! Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te ^_^ aspetto il tuo parere post assaggio ^_^

      Elimina
  6. Ma certo che Vasco deve andare al nido. Non preoccuparti Consu, quasi tutti i bimbi piangono, ma poi superano e stanno bene. Prenditi il tuo tempo e regalaci altre bellissime ricette come questa. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry..dopo 3 settimane direi che la situazione sta migliorando..tengo duro ^_*

      Elimina
  7. tieni duro tesoro, il primo distacco è sempre difficile e posso capire che ti senta un po' in colpa ma il nido è sicuramente un'esperienza positiva per Vasco. stare in compagnia e socializzare con altri bimbi non può fargli che bene e vedrai che tempo pochi giorni e sarà tutto passato, anzi vi andrà più volentieri :)
    senza lievito, questo pane è perfetto per me. e mi fa una gola con quelle bolle :D
    un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede, in effetti più passano i giorni e più inizia ad andarci volentieri! Stamani è entrato da solo e con un bel sorriso ^_^

      Elimina
  8. Porta pazienza. E' normale che pianga, è il primo distacco .
    Che buono il pane naan e che dire dell'hummus.....bravissima!
    un bacio

    RispondiElimina
  9. Mi sembra di sentire il profumo di questo splendido pane.... con un hummus straordinario!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo, sono felice che tu abbia gradito ^_^

      Elimina
  10. E' normale che faccia resistenza, in fondo il suo mondo finora, sei sempre stata solo tu ... E' giusto e sacrosanto lui stia con i bambini, che si confronta, che faccia le sue esperienze. Vedrai che presto si accorgerà anche lui che tanto tu tornerai sempre a prenderlo. In fondo è questo che gli serve a lui. sapere che la sua mamma, torna sempre a prenderlo e che è bello rimanere lì a giocare con gli altri bimbi. Non farti venire i sensi di colpa e vedrai che presto tutto si sistemerà. Intanto tu continua a fare i tuoi esperiementi con acqua e farina, buono questo pane naan. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry per avermi dedicato queste parole..mi hanno quasi commossa <3

      Elimina
  11. Hello, you have a delicious bread, sure, it looks good, I would love to try it.
    by the way, I see that we read regularly, but we do not follow, do we remedy it? a hug

    RispondiElimina
  12. Carissima Consu non sentirti in colpa, i miei tre figli non sono andati al nido perchè ho avuto la fortuna di avere dei nonni giovani e disponibili ma poi quando si è trattato di andare alla scuola materna il pensiero è stato lo stesso, pianti, manine attaccate alle gambi, musi lunghi e silenzi, poi è passata come è venuta, io ho tirato un sospiro di sollievo e il mio senso di colpa è svanito. Stai facendo la cosa giusta, una mamma quando è stanca fa fatica, se riesce ricaricarsi il tempo che dedida è di qualità! Quindi datevi ancora un po di tempo e poi vedrai che tutto ritornerà come prima anzì poi arriverà il momento ch non vorrà più venire a casa :-)
    Una ricetta stupenda, questo pane fa al caso mio e anche l'hummus è delizioso, un perfetto abbinamento! Un bacione grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely per aver condiviso la tua esperienza, mi è davvero d'aiuto per superare questo momento :-)

      Elimina
  13. Di questa ricetta, Consu, adoro tutto e soprattutto il pane. Quanto al piccolo Vasco (e lo dico con taaaaanto pudore non essendo mamma) credo che l'essere umano sia essere sociale, fatto quindi per stare con le altre persone. e non da solo .
    "Tutto sta" a trovare il tuo e il suo equilibrio...dai dai facciamo il tipo per te!

    RispondiElimina
  14. Mi ponevo le stesse domande... piangeva lei e a volte tornando a casa, piangevo anch'io... con il tempo ti accorgerai che stai assolutamente facendo la cosa giusta! Fidati!
    Il pane tesoro è stupendo e se potessi, allungherei la mano per sottrarti quell'invitante piattino :)
    Un bacio grande!!

    RispondiElimina
  15. Buono buonissimo!!! prendo spunto per quando lo faccio la prossima volta! baci baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola per la fiducia! Aspetto di avere il tuo parere ^_^

      Elimina
  16. Se ti può consolare, io ho cercato di portare mia figlia al nido quando aveva solo otto mesi, perché dovevo tornare al lavoro, ma, dopo lunghi e sfibranti mesi di tentativi, non ce l'abbiamo fatta, né lei né io, perciò bye bye lavoro e, anche se adesso che va scuola, è durissima per me ricominciare, lo rifarei ancora. Semplicemente, era la cosa da fare. Non voglio pontificare, solo dirti: fai quello che senti giusto per voi, senza curarti del resto del mondo e di quel che dice!!! Il pane naan senza lievito e l'hummus di cavolfiore sono entrambi novità per me, come sempre sul tuo blog trovo nuove ispirazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ad 8 mesi non sarei riuscita nell'impresa nemmeno io! Adesso che ha 20 mesi forse è più facile un piccolo distacco di qualche ora. Pensa che giusto stamani mi ha fatto un sorriso ed è entrato sereno ad abbracciare le maestre ^_^

      Elimina
  17. Cara Consu, come sai io ancora non sono mamma ma più volte zia e cugina "maggiore", per questo posso assicurarti che i bimbi che vanno al nido hanno davvero una marcia in più! Imparano prima a parlare, ad essere autonomi, a stare con gli altri; io non ho dubbi, quando avrò un bimbo lo manderò al nido sicuramente, anche se l'inserimento è una fase delicata per i bimbi e le mamme. Vedrai che non appena Vasco avrà imparato ad apprezzare le nuove persone ed il nuovo ambiente sarai felice della fatica fatta, per lui e per te! Un bacione :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo metto in dubbio ^_^ sono 2 giorni che non ci va e ne sono sicura che ne senta la mancanza!

      Elimina
  18. Questo devo farlo, lo dico da secoli....da tredici anni (aiuto...) dopo essere stata in india e averne mangiato quintali, bellissimo anche a vedersi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lilli ^_^ vedrai che non lo mollerai più :-P

      Elimina

Posta un commento