giovedì 10 novembre 2016

Pull apart brioche al grano saraceno e confettura di mirtilli

Mi sono sempre chiesta il motivo per cui mia suocera ha la fissa per i copridivano. E' ovvio che il motivo principale sia di proteggere il tessuto e mantenerlo "nuovo" il più a lungo possibile, ma se uno si compra un divano e si sceglie pure fantasia/colore/materiale di rivestimento per poi coprirlo con un altro telo, io non trovo la logica..almeno fino ad oggi.
Premetto che lo scorso anno siamo stati costretti ad affrontare la spesa di un nuovo divano, il vecchio in ecopelle ne aveva passate così tante tra Miss Grey che l'aveva ridotto ad un colabrodo e l'uso quotidiano vivo (soprattutto di mio marito), che non ne poteva proprio più ed in alcuni punti la pelle si stava lacerando.
Dopo qualche preventivo ne abbiamo scelto uno (bianco..per approfitare dello sconto "fiera del bianco"..mannaggia-a-me!) delle stesse misure del vecchio (4 sedute con chaise loungue) in tessuto idrorepellente-facilissimo-da-pulire-anche-montato (..certo, come no!), completamente sfoderabile e lavabile in lavatrice. Tutto facile a parole ma in fase pratica le cose si sono un po' complicate.
Quest'estate avevo avuto un primo approccio di "sfoderamento" ma dopo qualche tentativo mi ero arresa a lavare solo le sedute ed i cuscini mentre il resto ho provato con un prodotto (..con scadenti risultati!). Con l'arrivo di Amelia si è reso impellente imparare a smontare il divano e pulirlo con il lanciafiamme lavarlo a fondo in lavatrice almeno a 40° 60°.
Ho anche guardato dei video su internet ma alla fine mi sono dovuta arrangiare con l'intuito che solo una donna-di-casa riesce ad avere..e ci sono anche riuscita, con mia grande soddisfazione personale (...ed una mega sudata degna del più intenso workout!). Volevo approfittare dei 3 giorni che il marito si trovava in trasferta a Bologna per fare quest'immane operazione (..furba vero?! Non ho mica pensato che 2 braccia in più sarebbero state utili..per una volta..) e la mattina, partita con un bel sole pieno, prometteva bene. Butto tutto in lavatrice, aziono il programma e tutta felice dell'ottima organizzazione, corro al lavoro. Al rientro il programma è finito ma non faccio in tempo a mettere lo stendino fuori che arriva l'uragano-il temporale-una tromba d'aria-tuoni e fulmini-vedo passare la casa di Dorothy...ok, niente panico!
Penso a quella bella lavanderia a gettoni aperta da poco vicino a dove abito, mi convinco ad imbacuccarmi come per una battuta di pesca, carico tutto in auto (...mi porto pure Amelia, giusto per non farmi mancare niente!) e via.
Insomma alla fine verso le h18,00 riesco a tornare a casa, zuppa come un pulcino (..questo vale anche per Amelia che è stata subito messa in quarantena nella cuccia!) ma con il rivestimento del divano lindo, profumato e asciutto!
E adesso viene il bello...rimontarlo! Impiego la bellezza di quasi 40 minuti con annessa sessione di "workout" e, dopo una meritata doccia calda, chiamo mio marito e lo informo che i teli copridivano sono l'ultima moda della stagione A/I 2016/17 e appena rientra troverà il nostro salatto à la page
E' il caso che torni a fare ciò che mi viene meglio...


..."pane e marmellata", il modo migliore per iniziare la gionata ed oggi lo ritrovate qui in un unica grande brioche. Ne basta una fetta per gioire di tutto il piacere di una sana e golosa colazione!
Come sempre la scelta degli ingredienti è fondamentale ed io ho puntato su una confettura che mi ha fatto sognare (..ed imprecare al momento dell'apertura..ma questa è un'altra storia..) di PURE STAGIONI.
PURE STAGIONI TOSCANA produce e distribuisce il meglio che le stagioni offrono con prodotti genuini e autentici, lavorati ad arte per mantenere le qualità ed esaltarne il gusto. Un ritorno al passato, quando frutta e verdura venivano trattate con cura e semplicità per poter conservare la loro freschezza nel tempo. Le conserve sono prodotti della tradizione italiana, lavorate con le tecnologie più moderne così da preservare al meglio tutte le caratteristiche fondamentali. La frutta è manipolata il meno possibile, per proteggerne l’integrità e la cottura avviene ad alta pressione e bassa temperatura, per conservarne il colore, la consistenza e tutte le genuine proprietà organolettiche.
Spero di essere riuscita a rendere giustizia a questo prodotto eccellente e profumato.


Ingredienti x1 stampo

Tangzhong
60 ml di latte di soia al naturale
40 g di acqua naturale
20 g di farina di tipo 1*
Impasto
Tangzhong freddo
370 g di farina di tipo 1*
50 g di farina di grano saraceno*
90 g di lievito madre attivo**
70 ml di latte di soia al naturale + 1tazzina 
50 g di yogurt bianco magro
40 g di zucchero di canna integrale
20 g di olio di soia bio 
3 g di fiocchi di sale al limone***
1 cucchiaino di malto d'orzo in polvere
1 uovo bio (circa 55g)
Ripieno
*Macinata a pietra.
**Rinfrescata e al raddoppio.
***Se non si possiede, si può frullare 1/2 cucchiaino di sale grosso marino con qualche zest di limone bio.

Ho lavorato l'impasto nella planetaria, si otterranno ottimi risultati anche lavorando a mano.

Versare gli ingredienti del tangzhong in un pentolino e sbattere con una frusta fino ad ottenere un composto omogeneo e senza grumi. Scaldare sul fuoco fino a farlo addensare, mescolando spesso con la frusta. Trasferirlo in una ciotola e sigillare con pellicola trasparente, quindi far raffreddare a temperatura ambiente.


Versare nella planetaria il lievito spezzettato, l'uovo, il latte e lo yogurt. Scioglierlo con il gancio a foglia ed unire il tangzhong freddo. A parte miscelare le farine con il malto, il sale e lo zucchero, quindi unire poco per volta in planetaria. A metà operazione, smontare il gancio a foglia e montare il gancio ad uncino. Impastare energicamente fino ad incordatura.
Incorporare per ultimo l'olio a filo e portare nuovamente ad incordatura.
Rovesciare l'impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato e lavorare brevemente. Formare una palla e trasferirla in una ciotola leggermente unta. 
Sigillare con pellicola trasparente e riporre al caldo a raddoppiare (io ho impiegato circa 4 ore nel forno spento con la luce accesa 21-22°C).


Spolverare di farina il piano di lavoro e rovesciarci l'impasto lievitato. Stenderlo con il mattarello in un rettangolo. Spalmare tutta la superficie con la confettura e tagliare in 6 sezioni. 


Sovrapporre le strisce ottenendone una unica e tagliare in 6-7 sezioni della stessa grandezza. Rivestire lo stampo con carta da forno e adagiare le fette in verticale.



Sigillare con pellicola trasparente e far lievitare al caldo (io ho impiegato circa 3 ore nel forno spento con la luce accesa 21-22°C).
Preriscaldare il forno in funzione statica a 250°C. Nel frattempo spennellare la superficie della brioche con il latte. Cuocere nel ripiano più basso per 10 minuti. Poi abbassare la temperatura a 200°C e proseguire per altri 20 minuti.
Se la superficie si colorisse troppo, coprirla con un foglio di carta stagnola.
Sfornare ed estrarre delicatamente dallo stampo. Adagiare la brioche sulla teglia e passare in forno per altri 10 minuti (calore solo sotto alla massima potenza).
Sfornare e spennellare subito con altro latte, quindi coprire con stagnola e far raffreddare su una gratella.


Una volta freddo gustare staccando con le mani le fette. Niente toglie, ovviamente, di tagliarlo a fette con il coltello seghettato!  


Suggerimenti di conservazione:
Io ho ricavato le fette ed ho avvolto la dose per la settimana in carta stagnola. 
Una parte l'ho congelata (si mantiene fino a 3 mesi) e l'altra l'ho conservata in frigo (fino a 7 giorni). 


La ricetta originale del pull apart prevede un uso maggiore di grassi e zuccheri. La mia è una semplice rivisitazione che rispetta i criteri di un'alimentazione sana ed equilibrata.


Con questa ricetta partecipo a Panissimo#45, la raccolta di lievitati dolci e salati ideata da Sandra di Sono io, Sandra, e Barbara, di Bread & Companatico, questo mese ospitata da Sono io, Sandra

e al contest di PURE STAGIONI

92 commenti:

  1. no va beh che meraviglia questo lievitato, complimentissimi!!

    RispondiElimina
  2. Adoro il pull apart bread, immagino che la versione brioches sia deliziosa lo stesso.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..la devo ancora provare la versione salata e, dato il successo di questa, credo proprio che non mi deluderà :-)

      Elimina
  3. Fantastico, il mio stomaco brontola!
    Ti seguo volentieri :)

    Nothing but Chrissi | Instagram

    RispondiElimina
  4. Guarda, per anni il divano sfoderabile mi ha fatto morire perché per rifoderarlo dopo il lavaggio dovevamo essere in tre! Adesso finalmente abbiamo comprato un divano in eco pelle e sono finalmente felice!!!!
    La brioche pull apart dev'essere fantastica!
    Buona giornata Consu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..la mia esperienza con l'ecopelle è stata un disastro :-( spero x te di non passare quello che è capitato a me!
      Grazie Natascia e felice we a te <3

      Elimina
  5. Ma che bontà carissima Consuelo, una fettina per l'ora della merenda non ci sarebbe male !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ti garantisco che si fa mangiare a qualunque orario :-P

      Elimina
  6. Amica mia, intanto complimenti per la tua forza di volontà con il divano :-D e poi...adoro il pull apart bread, proprio perchè ogni fetta racchiude già un ripieno, io lo trovo uno dei lievitati più golosi. Interessantissima la ricetta, con un metodo del quale ho sentito parlare più volte, ma non ho mai provato. E ovviamente, mi piacciono le farine che hai utilizzato, sicuramente il risultato finale sarà un dolce profumatissimo.Un abbraccio e...sei sempre più brava <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Letizia :-) sono sicura che questo lievitato conquisterebbe anche te :-)

      Elimina
  7. Sei fantastica! Questa brioche è favolosa e mi piace moltissimo! Venendo al divano ... anche io, circa vent'anni fa, ho fatto l'errore di prendere un divano BIANCO completamente sfoderabile e lavabile ... mi consumavo le mani ogni volta che dovevo smontarlo e rimontarlo! Queste fodere, per stare bene, devono essere proprio a contatto, quindi ... tira di qua, sposta di là ... in incubo! Quest'anno ho cambiato il divano e preso di un bel azzurro cobalto!!

    ps anche io ho smadonnato per aprire la scatoletta shhhhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry, mi rincuora leggere le tue parole..pensavo di essere io una totale imbranata :-P

      Elimina
  8. E' favolosa questa brioche al grano saraceno, ottima a colazione e anche a merenda, sana e nutriente. Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabiola, sono felice che ti sia piaciuta :-)

      Elimina
  9. Sei testatda e decisa,complimenti alla fine hai vinto e questo dolce favoloso te lo sei proprio meritato,grazie per la bellissima condivisione,felice pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola ^_^ ci vuole ben altro x fermarmi :-P

      Elimina
  10. Io invece resisto e di copri divano, per i tuoi stessi motivi di un tempo, non ne voglio sentir parlare. Preferisco rassegnarmi ad invocare tutti i santi del paradiso quando (non più di una volta all'anno) lo lavo. Questo tangzhong ti confesso che ha un nome inquietante. Ma questo metodo di taglio mi è del tutto nuovo e voglio studiarmelo per benino. Mi salvo la ricetta. Grazie !! Ed in bocca al lupo per il contest

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Cri :-) vedrai che questo metodo ti conquisterà :-)

      Elimina
  11. questo pane è fantastico cara! deve avere un profumo e un gusto meravigliosi :) e comunque io preferisco le donne che vanno forte in cucina come te a quelle che si dedicano alle pulizie continue di divani, mobili ecc. perciò ben venga il copri divano, si evitano le macchie ed è tutto tempo guadagnato per sfornare meraviglie come questa ;)
    un bacione, buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tizi x il tuo sostegno e x le belle parole...sei un vero tesoro <3

      Elimina
  12. Bravissima Consu, è meraviglioso! Voglio provare questo tipo di lavorazione, risultato super e sapori speciali!

    RispondiElimina
  13. Che roba bella mamma mia!! Complimenti!

    RispondiElimina
  14. Il pull apart è uno dei miei dolci preferiti purtroppo non sono mai riuscita a fotografarlo per il blog perchè finisce prima di riuscirci. Spiluccare quelle foglie di brioche è una vera goduria, con la marmellata però non l'ho mai provato una delle prossime vci proverò. I lievitati ti vengono sempre una meraviglia Consu complimenti ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena, mi fa molto piacere condividere questa passione e ti confesso che se non lo avessi congelato subito me lo sarei finito in un pomeriggio O_o

      Elimina
  15. Adoro pane e marmellata e adoro la tecnica del tangzhong.. che voglia di questa deliziosa merenda mo hai fatto venire!!!

    RispondiElimina
  16. Favoloso non posso dire altro che poi bravissima e pensare che devo rinunciare a queste bontà :(
    Buona serata.

    RispondiElimina
  17. Ciao Cara io memore delle fatica c'è che facevo con la mia mami a sfoderare e rinfoderare il divano pulito ho optato per quello in eco pelle e lei pure :). Bellissimo questo dolce io lo faccio spesso ma in una versione simile salata e mi piace davvero molto. Buona serata baci Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..io inizialmente avevo un ecopelle ma ho avuto una brutta esperienza e pensavo che con il tessuto sarebbe andata meglio :-(
      Grazie Luisa, prossimamente proverò anche la versione salata..mi hai davvero incuriosita :-)

      Elimina
  18. Mai sentito il tang ... ecc ecc devo dire che è superbo! Di grandissimo effetto, il sapore sarà senza dubbio una goduria. 👏
    Per lo sfoderamento.. anche io penso che i divani debbano essere vissuti. Così come i sedili dell'auto, le foderine non si possono guardare .. ma scusa.. hanno inventato i mariti APPOSTA per questo genere di cose 😬 Il tuo poi .. con un braccio lo sfoderava in un colpo solo 😂 Salamina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hihihi... c'ho pensato dopo che forse non ho avuto proprio una brillante idea a farlo da sola :-P
      Grazie Simo x i tuoi complimenti <3<3<3

      Elimina
  19. una cosa simile con il divano l'ho avuta anch'io anni fa, dopo averlo lavato non riuscivo piú a infilarcelo, alla fine rimaneva scoperto per un 10 cm sul retro e cosí me lon tenuta fino a quando non lo abbiamo cambiato :-D questo pull apart brioche peró é una meraviglia che fa sbavare a getto continuo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..x il momento sembra che sia tornato nella sua posizione originaria..spero con il tempo non si ritiri anche a me O_O
      Grazie Marti, sono felice di essere riuscita a prenderti x la gola :-P

      Elimina
  20. che meraviglia!! un risveglio fantastico con questa brioche

    RispondiElimina
  21. Quanto ti capisco , lavare il divano è una faticaccia incredibile , 😅delizioso questo pane e marmellata per ricaricarsi dopo un lavoro cosi !

    RispondiElimina
  22. Che favola quest brioche e pure bellissima e molto particolare da vedere! Io ho un divano vecchio e sbrindellato (ma comodissimo) che abbiamo ereditato dall ex padrone di casa però sono una grande fan dei copridivani e non potrei mai farne senza: prendi, digli, lavo e rimetti tutti con un gesto! Pure il mio è sfoderabike, ma non mi sono nemmeno mai azzardata a lanciarmi nell impresa..ahaha. coraggiosa tu! E forte!! Bacioni grandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...coraggiosa è il termine giusto! Al momento di doverlo rimontare non riuscivo più a trovare il verso giusto O_O le comiche!!!
      Grazie tesoro x aver gradito la mia proposta :-)

      Elimina
  23. ahahahahah che avventura! Io ho un divano datato (nel senso che è vecchiotto e vissuto) coperto da una bella tela colorata che lavo e asciugo in un battibaleno. Forse ho l'età di tua suocera :))
    Domani mattina vengo a far colazione da te...il tuo pane con marmellata incorporata è irresistibile!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah...vedrai che d'ora in poi troverai quel bel telo anche sul mio :-P
      Grazie Dani, a che ora ti aspetto??

      Elimina
  24. Non ci sono parole...questo pane è pura meraviglia!!

    RispondiElimina
  25. Bravissima Consu mi piace tantissimo

    RispondiElimina
  26. tecnicamente questo post è perfetto: ben spiegato, esaustivo, corredato da foto. perfetto insomma. la ricetta è strepitosa, la marmellata la conosco, quindi mi lecco i baffi mentre guardo le foto.
    la tua storia, quella del divano, ecco, quella, mi ha fatto morire dal ridere. chi non ha un divano bianco a casa? e chi non impreca come una pazza per rimettere i rivestimenti? lo abbiamo fatto tutte più o meno. viva i copridavano sempre! ma soprattutto Consu è bellissimo condividere con te queste piccole cose di tutti i giorni e sorridere insieme. trovo questo post stupendo e ti ringrazio di cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te Sandrina :-) sono proprio felice di averti strappato un sorriso :-)

      Elimina
  27. Mi hai fatto morire dal ridere :-) è successa la stessa cosa anche a me qualche anno fa. Con mia mamma che mi diceva prendi un copridivano e io a dirle che non volevo coprire il divano, che mi piaceva così. Al primo lavaggio ho cambiato idea e mi sono comprata un bellissimo copridivano ;-)
    Meglio usare tempo per fare cose più divertenti, e golose come questo pane. Sai che non ho mai provato a fare questo tipo di pane? mi piace questa tua versione alleggerita. La prossima infornata sarà per questo pane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah...mi consolo a leggere la tua esperienza :-P
      Grazie Ele, non vedo l'ora di gustarmi la tua versione :-)

      Elimina
  28. Ciao Consu, deve essere buonissimo lo proverò sicuramente il grano saraceno mi piace moltissimo, complimenti!!!
    Anche a me non piace il copridivano, un bacione e buona giornata<3

    RispondiElimina
  29. Mi ha sempre affascinato questa tipologia di preparazione. Poi con i mirtilli.
    Complimenti per la spiegazioni del post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sono felice di esserti stata utile :-)

      Elimina
  30. NOn solo è bellissimo ma lo hai anche spiegato in modo perfetto, grazie mille!

    RispondiElimina
  31. Mi hai fatto morire dal ridere perché mi rivedo in tutto e per tutto ci vorrebbe una telecamera maledetto divano anche il mio ...in cucina come nella vita sei imbattibile!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah...grazie Cinzia, sempre un tesoro tu <3

      Elimina
  32. Love it! Thanks for sharing.


    ** Join Love, Beauty Bloggers on facebook. A place for beauty and fashion bloggers from all over the world to promote their latest posts!


    BEAUTYEDITER.COM

    RispondiElimina
  33. E' un capolavoro davvero!!!! Sei tanto brava con i lievitati lo sai? baci e buon w.e. :-*

    RispondiElimina
  34. Io ti confesso di essermi fatta fare i copridivano della stessa stoffa dei divani, con i bambini era diventato un delirio tenerli puliti . La tua brioche è un vero incanto e gli ingredienti che hai usato sono il meglio che ci sia. Davvero bravissima Consu e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..sai che non hai avuto un'idea malvagia..quasi quasi..
      Grazie Lisa di essere passata a trovarmi e felice we anche a te <3

      Elimina
  35. Come sempre susciti curiosità di ogni tipo. Tangzhong? interessante questo metodo: devo assolutamente sperimentarlo! Ne sai una più del diavolo!

    RispondiElimina
  36. Carissima Consuelo io ho un divano in cucina e uno in salotto ma in tessuto e non mi pare proprio siano sfoderabili,anzi,dato lo stile lo escludo:).In compenso ho dei teli molto belli e colorati in cotone pratici da inserire e praticissimi da lavare in lavatrice;).
    Non avevo mai sentito parlare di questo metodo:)il risultato di questa meraviglia che hai realizzato e' spettacolare così come la sua consistenza interna,non immagini quanto lo vorrei domani a colazione,bravissima come sempre Consuelo:)).
    Un bacione e buon fine settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura due O_O potrei morire!!! cmq la soluzione del telo rimane quella più gettonata a quanto ho capito :-P
      Grazie Rosy, mi dedichi sempre delle bellissime parole <3

      Elimina
  37. non parliamo del divano che ho una macchia che non riesco a togliere da un mese, ogni vv va via un po' ma mai del tutto! il pull apart sarà tre anni che voglio farlo, so che prima o poi arriverà il suo momento! splendido, buon we!

    RispondiElimina
  38. Ma che meraviglia hai fatto???!!! bravissima, come mi piacerebbe mangiarne una bella fetta!!!
    Con cani, gatti e....bimbi i copridivani sono un'obbligo, anch'io non volevo rinunciare ai miei divani di tessuto bianco, così ho una serie di teli bianchi, lavabilissimi, per non trovarmi mai.....scoperta!!!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..mi sa che opterò anch'io x questa soluzione :-P

      Elimina
  39. Che meraviglia!! Grano saraceno e mirtilli si sposano alla perfezione, ottima brioche.
    Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia e buon fine settimana anche a te <3

      Elimina
  40. delizioso, sei sempre bravissima
    buon sabato, un bacione
    <<< tr3ndygirl fashion blog >>>

    RispondiElimina
  41. No tesoro, con questa brioche mi hai steso... è semplicemente meravigliosa!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    My Facebook

    My Instagram

    RispondiElimina
  42. Great post!!! would you like to follow each other's blog dear? Please let me know, I am following you now.thank you :)

    RispondiElimina
  43. deliziosa questa brioche ! Le tue peripezie con lieto fine riguardo alle fodere del divano mi hanno ricordato che dovrei anche io, prima o poi lo farò....Buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hihihi...mi dispiace averti fatto venire in mente questi pensieri :-P
      Grazie Chiara della visita e felice we a te <3

      Elimina
  44. Ahahaha come ti capisco....ogni volta era un incubo x me questa operazione....ora però l'ho preso in pelle il divano, quindi ho finito col supplizio!
    Sei la regina dei lievitati, questo pane mi intriga ed è da una vita che vorrei provare a farlo....mi sa che te lo copio spudoratamente... ;)
    Bacio grande e buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..non può farmi che piacere e aspetto con curiosità la tua versione :-)
      Grazie di cuore Simo e felice we a te <3

      Elimina
  45. Ecco questo è uno di quei dolci che ci siamo sempre ripromessi di fare e che per adesso spopola sul web. Golosissima la tua versione!
    Riguardo i divani...anche i miei sono sfoderabili ma praticamente sempre coperti da un telo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..non vi resta che buttarvi in questa preparazione..sono certa che non vi deluderà ^_^
      Grazie ragazze..e viva i copridivaniiiii!!!

      Elimina
  46. This looks amazing!

    Thank you for your lovely comment on my earlier post :D

    Maybe you have time see my new post Suit Up Look at my white shoes!

    Follow me on Google Plus

    Love
    Akanksha

    RispondiElimina