mercoledì 23 novembre 2016

Ciambelline al vino rosso novello e olio extravergine d'oliva

Era una vita che volevo fare queste ciambelline ma non trovavo mai l'occasione giusta. Come sempre la rubrica di Idea Menù mi regala la possibilità di mettere in pratica i miei desideri! Naturalmente ho stravolto un po' la ricetta a mio gusto...ho bandito zucchero semolato e farine raffinate a favore di ingredienti più sani ed ho usato un vino rosso dolce che la mia bella Toscana riesce a regalare in questo periodo. L'olio extra vergine d'oliva viene dal raccolto dell'anno scorso, quindi è "posato" e leggero ma sto già preparando le papille gustative a quello nuovo, verde e piccantino!
...ascoltando..Muse- Uprising


Ingredienti x circa 35 pezzi:

250 g di Tummilia
100 g di vino rosso novello* +10g se necessario
60 g di zucchero di canna+ 2 cucchiai x la superficie
30 g di olio e.v.o.
5 g di ammoniaca x dolci
1 cucchiaino raso di semi di anice

*Se utilizzate un vino rosso stagionato, valutate, in base all'acidità, se aumentare la dose di zucchero.

In una ciotola mescolare la farina con lo zucchero e l'ammoniaca. Formare una fontana e versarci l'olio e il vino. Iniziare ad impastare e se risultasse ancora troppo sbricioloso, unire altro vino. 
Prelevare 1 pezzetto grande quanto una noce. Rotolarlo sul piano di lavoro formando un serpentello e unire le estremità a formare una ciambella.
Passare un lato nello zucchero e adagiare su una teglia rivestita di carta da forno con la parte zuccherata rivolta verso l'alto. Procedere in questo modo fino a terminare l'impasto.


Cuocere in forno statico preriscaldato a 180°C per circa 15-20 minuti. I biscotti devono risultare croccanti, se necessario prolungare la cottura in funzione ventilata.
Sfornare e far completamente raffreddare su una gratella.
Una volta freddi si conservano in un barattolo di vetro a chiusura ermetica per diversi giorni.


Ottimi per un dessert da meditazione accompagnato ad un buon vino novello o un vin santo.


Questi biscotti sono eccezionali anche nel latte della mattina. Il sapore del vino è impercettibile e la loro forza d'inzuppo vi conquisterà!


..ma prima di concentrarvi sul dolce, andate a curiosare cosa prevede la parte salata del nostro menù:
Dolce Ciambelline al vino rosso novello e olio extravergine di oliva

70 commenti:

  1. Mi accendo di entusiasmo davanti a queste ciambelline perchè ne vado pazza, lo sai che anche io le preferisco con il vino rosso!? curioso che tu abbia messo una ricetta con i sapori toscani e io nel mio quelli romani, abbiamo portato in questo dolce le nostre rispettive tradizioni. Mi piace l'idea di sostituire la farina bianca con quella integrale la prossima volta proverò la tua ricetta. Brava come sempre con le tue idee supersane baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Serena, come vedi siamo sempre più in armonia :-) mi fa davvero piacere il tuo gradimento :-) prima o poi riuscirò a venirmi a gustare anche la tua versione ^_*

      Elimina
  2. Ma sono uno spettacolo le tue ciambelline, sempre più brava Consu!!!!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    My Facebook

    My Instagram

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, confesso che le foto non mi convincevano molto ma il loro sublime sapore ha superato ogni dubbio :-)

      Elimina
  3. Queste ciambelline farebbero la felicità di mio marito. Naturalmente inzuppate in un buon vino novello toscano. Un grosso bacione

    RispondiElimina
  4. Già mi era piaciuta l'idea del pane con questa farina, adesso mi proponi queste deliziose ciambelline... mi piacerebbe proprio fare un assaggio e nemmeno tanto ...ino! Bacioni a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah...grazie Carla, sono felice di averti presa x a gola :-P

      Elimina
  5. Adoro le ciambelline al vino. Sono una droga per me è qui ho notato le vendono di ogni tipo, con nocciole, con farine diverse, con anice.. insomma di lanciano di fantasia e a me piace seguirla. Baciotti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. wow...sarebbero la mia rovina :-P
      Grazie Paola x la visita e a presto <3

      Elimina
  6. Le conosco bene, interessante la tua variante.

    RispondiElimina
  7. Le ho fatte con la Malvasia e sono andate a ruba, per cui immagino le tue con l'aggiunta dell'anice e lo zucchero di canna.
    Proverò con vino rosso e zucchero di canna.
    Un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti lo stavo per scrivere, mi ricordavano le tue , che dopo averle assaggiate mi hanno straconvinto! queste anche con gli aromi devono essere fantastiche ! complimenti

      Elimina
    2. Daniela, non stento a credere che siano andate a ruba :-P Fammi sapere che ne pensi della mia versione ^_*

      Elimina
    3. Elena che fortuna che hai avuto :-P Grazie x aver gradito anche la mia interpretazione..purtroppo senza assaggio :-(

      Elimina
  8. Mi piacciono troppo queste ciambelline.. vengono bene con vino rosso..vino bianco e anche spumante!!!! smack

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..infatti è una ricetta di sicuro successo e molto versatile ^_*

      Elimina
  9. belle, buone semplici rustiche, super insomma!

    RispondiElimina
  10. Della serie una tira l'altra!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..puoi dirlo forte :-P ma è un rischio che vale la pena correre :-P

      Elimina
  11. whatever this is. looks amazing!

    Thank you for your lovely comment on my earlier post :D

    Maybe you have time see my new post Yellow in Singapore :)

    Follow me on Google Plus

    Love
    Akanksha

    RispondiElimina
  12. ma QUANTO mi intrigano queste ciambelline! Sai che da noi in piemonte (come sa patria di vini rossi robusti ed importanti, pensa al nebbiolo e barolo, ad esempio) ma anche di vini rossi novelli ... io non l' ho mai visto usare per i biscotti. (le torte si) e invece ho visto (ed uso) molto quello bianco, poi sai com'è... dipende dalla provincia. Non conosco miei corregionali ad esempio di Novara o Alessandria, magari li si usa.. mah chissà.. mamma che curiosità, brava Consu! Tanti Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..non ti resta che provare :-P Io solitamente uso il vino che avanza..in casa mia non siamo dei grandi bevitori :-P
      Grazie della visita Simo, un abbraccio <3

      Elimina
  13. Immagino il sapore di queste meravigliose ciambelline! Complimenti! Un abbraccio, a presto!!!

    RispondiElimina
  14. Uh, quanto adoro le ciambelline al vino!!! Chissà che super gusto devono avere!!!
    Un abbraccio tesoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazze, sono felice che vi siano piaciute ^_^

      Elimina
  15. e l'uso del vino novello, è proprio una bella idea! sempre bravissima!

    RispondiElimina
  16. Non sai quanto io adori queste ciambelline ^.^ prima di cambiare alimentazione le preparavo spessissimo, con la farina di farro...deliziosee...mi pare che siano tipiche dei Castelli Romani. Vorrei tanto averne un paio ora qui, da divorare dopo cena, anche perchè con la tua variante della farina mi piacciono ancora di più <3 un abbraccio cara amica mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Leti..non sai come vorrei accontentarti :-)

      Elimina
  17. Buonissime le ciambelline al vino rosso, e le tue modifiche le hanno rese ancor più intriganti......bello cominciare la giornata con questo inzuppo!!!
    Baci

    RispondiElimina
  18. adesso è arrivato il momento giusto per gustarle, il vino novello le accompagna degnamente ! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara, mi fa davvero piacere trovarti in sintonia con i miei gusti :-)

      Elimina
  19. è tempo di biscotti: bellissimi e particolari i tuoi, un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri, provali e te ne innamorerai :-)

      Elimina
  20. Ecco, io ne faccio un tipo simile, ma non uso l'ammoniaca....non so, mi spaventa sempre! Devo decidermi a provare....
    Un bacione cara e buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..prova e attenzione all'apertura del forno..io ho perso x 30 minuti l'uso dell'olfatto :-P ma il risultato è stato eccellente ^_*

      Elimina
  21. Bellissime ciambelline...!
    se poi sono inzuppose sono ancora meglio, magia della farina integrale... ;-) :) :)
    Anche io mai usata ammoniaca x dolci. Sono sempre restia... :roll:
    E se usassi cremor tartaro... o meglio bustina lievito dolci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi usare il lievito che più ti aggrada ma perderai la potenza inzuppo che solo l'ammoniaca x dolci regala..

      Elimina
  22. Che ricetta preziosa ..sei sempre piena di novità eccezionali..ti invito ad un concorso per vincere una card buono acquisto per uno store online
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie dell'invito, vengo subito a curiosare :-)

      Elimina
  23. Anch'io le faccio, ma di solito con il vino bianco: sono friabili e leggere; proverò il rosso.

    RispondiElimina
  24. Fantastici in questa versione rustica. Ho visto che hai usato ammoniaca invece del classico lievito. Qual'è la differenza? li rende più croccanti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ammoniaca x dolci regala una friabilità e forza-inzuppo senza pari! Proprio come quelli che si comprano :-) Prova e non la mollerai più ^_*

      Elimina
  25. Che buone, perfette come dopo cena!!

    RispondiElimina
  26. Sai che anch'io le voglio fare da tanto ma ancora non le ho fatte?
    devo proprio provarle! Sembrano troppo buone!!;)
    Un abbraccio
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..non attendere oltre, sono certa che non ti deluderanno :-)

      Elimina
  27. Che buone Consu e poi io mi tufferei nel vino rosso ... eh eh
    Buone buone, le voglio!
    Ciaoooo

    RispondiElimina
  28. Ottimi! Con la Tummilia poi ... ne ho ancora in congelatore, mi incuriosiscono. Io le ho fatte ma con farina e zucchero soliti. Bravissima, come sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry, quella farina sta bene in ogni ricetta :-) provala nelle ciambelline e ti convincerà all'istante ^_*

      Elimina
  29. Queste ciambelline sono a dir poco favolose, mi ispira da morire usare il vino novello che tra l'altro mi piace assai. Le farò di sicuro. Un abbraccio cara Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lisa, le tue parole mi rendono felice :-)

      Elimina
  30. Le adoro!! Pensa che le faccio spessissimo perchè sono leggere e velocissime!! Ottime davvero!
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvietta, sono felice di trovarti d'accordo :-)

      Elimina
  31. Mi sono fatta, grazie a questo post, una cultura sulla Tummilia e mi nasce spontanea una riflessione: ma non sarà che questa diffusione di celiachia e intolleranze nasce da un'eccessiva manipolazione delle farine, operata dall'industria moderna? Non è per essere complottista, ma vengono cattivi pensieri.... La tua ricetta, invece, è buonissima e bellissima, come sempre

    RispondiElimina
  32. Meravigliose carissima Consuelo, non immagini quanto le vorrei assaggiare e quanto le vorrei domani per la colazione, per la merenda, per un dopo pranzo o dopo cena..sempre quindi:))mi piacciono e ispirano troppo, vorrei realizzarle seguendo questa tua ottima ricetta che mi piace e ispira tantissimo:)).
    Un bacione e grazie mille per la condivisione:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Rosy, rimango in attesa del tuo spassionato parere ^_^
      A presto <3<3<3

      Elimina
  33. Che carina l'idea di metterle in fila nel cucchiaino, come fossero delle perline intorno a una collana! Le idee che rendono tutto più bello... :-)

    RispondiElimina