Orecchiette di grano arso con pesto di fiori di zucchina, portulaca e pistacchi

Orecchiette di grano arso con pesto di fiori di zucchina, portulaca e pistacchi.
Quest'anno ho rinunciato a piantare le erbe aromatiche anche se, ogni volta che vado al mercato, la tentazione di portarne a casa un vasetto è davvero grande. Poi riesco sempre a trattenermi perchè penso al mio pollice nero e alla misera fine che farebbero da lì a 1 mese (...e sono ottimista!). Non sono proprio portata per il giardinaggio e l'ultima volta che mi sono cimentata è stato il giorno prima di partorire. Quelle povere piantine non hanno avuto attenzioni per tutta l'estate (...e la causa ve la potete facilmente immaginare!) e non ho avuto altra scelta che buttare tutto. Mia suocera mi ha aiutata a salvare le storiche piante grasse, le uniche che hanno imparato a sopravvivermi, seppur a stento. In una fioriera rimasta libera ho voluto provare a piantare la portulaca. La dolcissima Viviana me ne ha donato dei semini e mi ha rassicurata che, essendo una pianta infestante, sarebbe campata anche alle mie mani! Infatti ho già assaggiato i primi raccolti e oggi, complici dei bellissimi fiori di zucchina della mai contadina, le tenere foglioline sono finite anche in un pesto.   
Ingredienti
pesto x2 porzioni
20 fiori di zucchina
1 mazzetto di portulaca
30 pistacchi salati
1 cucchiaio di olio e.v.o.
per servire (a porzione)
75 g di orecchiette di grano arso
10 datterini bio
Staccare i fiori dalle zucchine ed eliminare il picciolo interno. Lavare e tamponare delicatamente. Ricavare le foglioline dalla portulaca e lavare bene sotto l'acqua fredda corrente. Raccogliere tutto in un capiente mixer e frullare ad intermittenza. Unire l'olio e i pistacchi e frullare ancora qualche istante. Assaggiare e regolare di sale. 
Nel frattempo cuocere la pasta al dente. Mantecare quindi con il pesto e un paio di cucchiai di cottura. Unire i datterini tagliati a metà e servire.
Il pesto è perfetto per condire 2 piatti di pasta. Se avanza si conserva in frigorifero per 3 giorni in un vasetto di vetro con chiusura a vite. In alternativa può essere congelato e consumato entro 3 mesi.
Vi consiglio di non omettere i datterini, daranno una marcia in più al piatto e poi lo renderanno anche più piacevole dal punto di vista cromatico...perchè l'appetito si stimola anche con la vista!

Commenti

  1. Confesso che non conoscevo la portulaca. Dalla foto ho capito che pianta è, non sapevo si potesse mangiare. sai che adoro il grano arso quindi sono qui con gli occhi a cuoricino davanti a questo piatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..io me la sono anche piantata in terrazza :-P ottima anche aggiunta alle insalate ^_*

      Elimina
  2. adoro la farina di grano arso, mi dispiace solo non riuscire più a trovarla :( non conoscevo invece la portulaca. sarei davvero curiosa di provare questa intrigante combinazione di sapori :) un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..sono certa che ti conquisterebbe ^_* Buona settimana a te <3

      Elimina
  3. Non ho mai sentito la portulaca. Comunque mi piace molto questo piatto, così invitante e originale. Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..è probabile che tu ce l'abbia in giardino :-P

      Elimina
  4. Questo piatto si mangia con gli occhi! Sai che non conoscevo la portulaca.? Nemmeno io ho il pollice verde, anzi a me muoiono anche le piante di plastica! Un bacio

    RispondiElimina
  5. Che bello ricco questo pesto e saporito, invita alla tavola! Anche io non sono un gran ché con le erbe aromatiche. Va be ' dai ce ne faremo una ragione😉

    RispondiElimina
  6. Che piatto godurioso cara Consu, che voglia!!!!

    RispondiElimina
  7. Amo ogni tipo di pesto...lo devo provare!
    Nuovo post "What to wear? Cosa indosso per una giornata di shopping?" ora su https://www.littlefairyfashion.com

    RispondiElimina
  8. Quindi la portulaca è quella?!?!? Grazie!! Mi hai dato modo di attribuire un nome a quelle piante che ogni tanto mi è capitato di vedere!
    Cara Consu...anch'io ho il pollice nero ^__^ con sommo dispiacere di mia mamma la quale, invece, rende rigoglioso qualsiasi filo d'erba, pianta o fiore. Pazienza. Me ne farò una ragione!! :-)
    Ottimo questo pesto e bellissime le tue orecchiette di grano arso.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah...io sono la disgrazia di mia suocera che continua a regalarmi pianti che dopo poco diventano il set di un film di Tim Burton :-P

      Elimina
  9. che bel piatto saporito, sulla portulaca passo ho il giardino e l'orto pieno, essendo un'erba infestante ne ho a volontà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah..allora non ti resta che farne delle golose insalate..o pesti ^_*

      Elimina
  10. Questo piatto è una meraviglia da mangiare prima con gli occhi e poi ne immagino tutto il sapore. Sai quanto amo anche io il grano arso. Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Terry!!! Pensa che non riesco mai a trovare la farina e appena ho visto queste orecchiette non me le sono potute far sfuggire ^_*

      Elimina
  11. Che foto splendide Consu, parlano da sole !!!!! Davvero una delizia questo pesto, complimenti e un abbraccio grande

    RispondiElimina
  12. Un pesto molto interessante e sicuramente appetitoso!
    Nel giro di un mese ho già la salvia gialla e il basilico a puntini. Oltre ad avere il pollice nero, posso dire di trasformare le piante in vegetali alieni :))
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah...oddio Dani mi fai morire dal ridere!!!

      Elimina
  13. che pesto interessante Consu!!! ps; anche io ho brutte esperienze con i vasi quest'anno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...magari fosse solo quest'anno! Io sono recidiva!

      Elimina
  14. ho l'aquolina in bocca...e sono solo le dieci del mattino!

    RispondiElimina
  15. Ottima ricetta cara Consuelo, scusa la mia ignoranza ma non sapevo che la portulaca fosse edibile, anche la tua presentazione piena di colore è bellissima. Buona estate a te e famiglia.

    RispondiElimina
  16. ah ah pure io da tempo bramo una piantina di basilico, ma evito di comprarla perchè so che la ucciderei in una settimana! vedo che tutte e due ce la caviamo ai fornelli ma siamo pessime con le piante!!
    la ricetta di questo primo mi incuriosisce molto, deve essere fresca, profumata e equilbrata. da provare! anche perchè non ho mai usato la portulaa in cucina!
    un abbraccio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che ti darà grandi soddisfazioni anche semplicemente aggiunta all'insalata ^_^ fammi sapere!

      Elimina
  17. Questo è un piatto davvero ricco ricco ricco..una vera prelibatezza che fa venir fame solo a guardarla

    https://nettaredimiele.blogspot.com

    RispondiElimina
  18. Il pesto con i fiori di zucchina? Sei unica!

    RispondiElimina
  19. piatto ricco, sicuramente gustoso *_*lo trovo meraviglioso

    RispondiElimina
  20. It looks incredible xoxo Cris
    https://photosbycris.blogspot.com/2019/07/avila-world-without-limits.html

    RispondiElimina
  21. ...un pesto insolito che mi incuriosisce un sacco!
    Che piattino favoloso hai realizzato, complimenti come sempre carissima, e buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo :-) se ami i pesti questo non puoi fartelo sfuggire :-)

      Elimina
  22. Non conosco la portulaca, bellissimo piatto mi piacerebbe non sai quanto poterlo assaggiare!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice..sono felice di essere riuscita a prenderti per la gola :-)

      Elimina
  23. Ma che meraviglia di primo, Consu! Non preoccuparti per il colore del pollice, sei in buona compagnia... Bacioni e buona domenica :)

    RispondiElimina
  24. Ma che bel pesto prelibato... non avevo mai sentito parlare della portulaca!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    RispondiElimina
  25. Un piatto super gustoso, profumato e io amooo i pistacchi! Proverò a farlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fede :-) aspetto il tuo parere post assaggio :-P

      Elimina
  26. E vabbè…...anche qui un pesto delizioso! Ma come ti vengono certe idee?
    Dovrei passare a trovarti più spesso, mannaggia a me.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari