domenica 14 agosto 2016

Pattona piacentina

Dopo aver driblato il problema bachini-farfalline della mia (immensa) scorta di farine smaltendole giusto in tempo prima del grande caldo, ecco che mi ritrovo a ripulire il freezer in vista delle ferie e del cambio di stagione. Anche qui in quanto a (immense) scorte non si scherza affatto!!! Ho fatto dei ritrovamenti surreali ed imbarazzati che naturalmente vedo abilmente di non confessare!
Non potevano mancare, naturalmente, altri sacchetti di farine e tra questi ho rinvenuto un rimasuglio di quella buonissima farina di castagne della Garfagnana, gelosamente conservata per una ricetta speciale..e poi (...ahimè...) dimenticata tra un trancio di merluzzo e un sacchetto di fagiolini.
Quindi oggi, un po' fuori stagione ma perfettamente nel mio stile, vi propongo un castagnaccio (per la ricetta tradizionale toscana, cliccare qui) arricchito da pinoli e uvette (...tutti ingredienti reduci dal ripulisti della dispensa!).



Ho scoperto in seguito che questa ricetta esiste già e si chiama "Pattona Piacentina". Ha riscontrato un tale successo anche ai palati più tradizionalisti toscanacci dei miei fedeli assaggiatori che non posso esigermi dal condividerla con voi (ovvero i miei fedeli assaggiatori virtuali!) per augurarvi un Felice e Spensierato Ferragosto

...sulle note di 4 Non Blondes - What's Up

Ricetta ispirata dalla rivista Sale&Pepe di Agosto 2013

Ingredienti x1 stampo quadrato 22x22cm/9 porzioni:

300 g di farina di castagne macinata a pietra
500 ml di acqua naturale
50 g di uvetta
30 g di pinoli
1 rametto di rosmarino fresco
Olio e.v.o. q.b.
1 pizzico di sale fino marino

Setacciare la farina in una ciotola, unire un pizzico di sale e mescolare. Versare a filo l'acqua e sbattere con una frusta a mano fino ad ottenere una pastella liscia ed omogenea. Coprire con pellicola trasparente e far riposare 1 ora a temperatura ambiente.
Nel frattempo sciacquare l'uvetta e ammollarla in acqua tiepida. Dopo 10 minuti, scolare bene e strizzarla. Unirla alla pastella insieme ai pinoli (riservarne 1 cucchiaino per la superficie) , mescolare bene e versarla nello stampo leggermente unto d'olio (io ho usato uno stampo in silicone e non c'è stato bisogno di ungere). Decorare la superficie con i pinoli tenuti da parte, gli aghi di rosmarino e un giro d'olio. 
Cuocere in forno statico preriscaldato a 200°C per 30 minuti. Sfornare e far completamente raffreddare.



Una volta freddo togliere dallo stampo e tagliare in 9 cubotti. 



Consiglio di conservarlo in frigorifero e di consumarlo entro 7 giorni. In alternativa sarà possibile congelarlo fino a 3 mesi.


Delizioso a merenda, colazione e come dessert rustico magari accompagnato da una pallina di fresco gelato in estate o un bicchierino di vino liquoroso in inverno.


Se come me avete della farina di castagne da consumare, 
vi consiglio di provare queste ricette:

30 commenti:

  1. Il castagnaccio è simile un po' ovunque anche in Emilia si arricchisce con uvetta e pinoli, sicuramente fuori stagione ma averne una fetta...io l'adoro. Un abbraccio e buona festa dell'Assunta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..anch'io l'adoro :-P in ogni stagione ^_^
      Grazie della visita e buon proseguimento di settimana anche a te <3

      Elimina
  2. L'aspetto è davvero invitante, ho pensato tante volte di farlo, ora non ho più scuse, lo devo provare!!!!! Buon Feragosto a te e un abbraccio grande!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..vedrai che non ti deluderà :-)
      Grazie Cri e a presto <3

      Elimina
  3. Questa pattona piacentina o castagnaccio arricchito è strepitoso. Ha un aspetto molto goloso e io domani come fine pasto ne mangerei volentieri una bella fetta. Buon ferragosto Consuelo e a presto. Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabiola, sono felice di averti conquistata :-)

      Elimina
  4. Carissima Consuelo non ho mai avuto modo di assaggiare il castagnaccio ma amando il sapore delle castagne e immaginando il risultato eccezionale degli abbinamenti che hai utilizzato sono sicura che è favoloso e buonissimo e ti confesso che mi ha fatto venire un'acquolina incredibile:)).Per quanto riguarda la farina di castagne qui dove abito io purtroppo non l'ho mai vista..se riesco a trovarla in un altro posto la comprerò di sicuro,oppure quando andrò in Sardegna perché lì l'ho vista;).
    Grazie infinite per aver condiviso questa bellissima ricetta,un bacione e buon Ferragosto:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Rosy..non credevo che la farina di castagne fosse così difficile da reperire O_o qui la trovi anche al supermercato!
      Cmq appena ti capita l'occasione, devi provare questo dolce, in Toscana va alla grande ^_^

      Elimina
  5. Il castagnaccio piace molto amio figlio quest'inverno gli ho spedito a Bruxelles gli ingredienti per farlo , un amica aggiunge anche i pezzetti di cioccolato , non so come sia xche non amo molto questo dolce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..l'aggiunta del cioccolato è la prima volta che la sento e sono certa che lo farà diventare ancora più goloso :-P
      Buongustaio tuo figlio ^_^

      Elimina
  6. Bellissima ricetta!!! :) buon ferragosto a te dolcezza!!! Baci
    Jorgette

    RispondiElimina
  7. E' una versione che adoro!! Anche io lo faccio con questi sapori di norma!! Anzi, mi hai fatto venire voglia di prepararlo!!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..davvero?? io è la prima volta che lo faccio così "ricco" O_O

      Elimina
  8. La pattona, meglio "patona", è buonissima, la preparo spesso in inverno perchè piace tanto a mio marito. Prova a sostituire una paste di acqua con il latte, sarà molto più soffice :)
    Buona Ferragosto anche a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del suggerimento, la prossima volta proverò :-)

      Elimina
  9. Confesso che anche io ho scorte infinite, sia in freezer che in dispensa :-( e non riesco a liberarmene! Ho anche della farina di castagne in frigo, quasi quasi ci faccio un pensierino :-) anche perché questa torta incontra perfettamente i miei gusti! Grazie per l'idea e felice Ferragosto amica mia <3 un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Leti, sapevo che ti avrei conquistata con questi ingredienti ^_*

      Elimina
  10. una fettina la mangerei anche adesso, l'aspetto mi piace molto ! Buon Ferragosto !

    RispondiElimina
  11. Quanto ... Quanto mi piace il castagnaccio! E quindi di certo amerei anche questo dolce rustico! Non mi parlare di avanzi di farina 😩
    P s ti ho mandato mail (te lo dico nel vado sia finita di nuovo nello spam ma chissà perché' uffa)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo, mi fa piacere condividere questa passione con te..sono certa che andremo d'accordo anche di persona :-)
      ps: le mail che sono seguite alla prima, non hanno avuto problemi..boh!

      Elimina
  12. Uhmmmm... la proverei subito!!!
    Buon ferragosto tesoro!
    Kisses, Paola.

    Expressyourself

    My Facebook

    My Instagram

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, sono felice di aver incontrato i tuoi gusti <3

      Elimina
  13. Ahahah, ma allora non sono l'unica a ritrovare di tutto nel congelatore? Delle volte sono alle prese con dei sacchetti non ben identificati perché "tanto lo so che me lo ricordo, che serve metterci il cartellino"!
    E comunque il risultato dei tuoi scavi archeologici ha dato degli ottimi frutti!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah...anch'io all'inizio non mettevo mai il cartellino..adesso guai a dimenticarlo!
      ps: pensa che una volta ho condito 4 porzioni di pasta con quello che sembrava un pesto...e invece era un battuto per grigliate di pesce O_O ho buttato tutto, ovviamente era immangiabile!

      Elimina
  14. Zia, non so come lo mangiate a Viareggio ma io il castagnaccio a Firenze l'ho sempre visto così:D (anzi, mia nonna oltre a pinoli e uvetta ci mette anche le noci)

    P.s. per il freezer ti capisco bene, e comprendo anche l'imbarazzo. Rispuntano cose che non sapevi neanche più di avere fatto O_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah...mi consolo a non essere l'unica accumulatrice compulsiva di surgelati :-P
      Grazie Nocciolina della visita, non sapevo che dalle tue parti venisse fatto un castagnaccio così arricchito. X noi è solo farina di castagne, acqua, pinoli, olio e rosmarino STOP!

      Elimina
  15. wow una vera golosità!!!
    Un abbraccio grande!

    TruccatiConEva

    RispondiElimina