giovedì 16 giugno 2016

Pane in cassetta semintegrale alla birra rossa e semi di lino

La miglior terapia contro lo stress e la depressione è farsi una seduta di psicoterapia, ma inteso non nella sua terminologia convenzionale, bensì chiudendosi in cucina insieme a qualche sacchetto di farina profumata appena macinata, un pugno di lievito madre e tanta voglia di affondare le mani in un morbido e aromatico impasto. I pensieri rimarranno magicamente fuori, i nervi tesi si distenderanno e tutto sembrerà migliore, più luminoso, più positivo!
Chi come me è un impastatore-seriale capirà bene le mie parole e si troverà in accordo con me, agli altri non resta che seguire il mio consiglio e provare...potreste rimanere stupiti di come la bread-therapy sia benefica per l'umore!


Con il cambio di stagione, la mia cara nonnina ha avuto un calo di energie e, mentre prima andavamo in giro per mercati rionali o a fare la spesa al supermercato insieme, adesso mi scrive quello che manca e mi ci manda da sola. Mentre vago per i corridoi di un ambiente che non conosco alla ricerca minuziosa delle cose da acquistare, capita che la mia attenzione venga catturata da qualcosa che con la lista della spesa ha ben poco a che fare. Questo è capitato di recente con una birra rossa artigianale, mai vista prima e che non ho resistito ad acquistare...ho pensato dopo che nessuno in casa l'avrebbe bevuta ma la soluzione era dietro l'angolo e vi garantisco che in questo pane fa la differenza!!! 


Ingredienti x1 stampo da plumcake 35x8x15 cm:

300 g di farina di tipo 1*
300 g di farina integrale*
90 g di lievito madre attivo**
500 ml di birra rossa artigianale
1 cucchiaio di olio e.v.o.
1 cucchiaino di malto d'orzo bio
1 cucchiaino di sale fino marino
Semi di lino q.b.

*Macinata a pietra.
**Rinfrescato e al raddoppio.

In una capiente ciotola sciogliere il lievito ed il malto nella birra aiutandosi con una forchetta. Unire le farine ed il sale. Lavorare ancora con la forchetta quel tanto che basta a far assorbire tutto il liquido. Incorporare velocemente l'olio e far riposare per 40 minuti coperto con un canovaccio umido.



Spolverare il piano di lavoro di farina integrale e rovesciarci l'impasto. Praticare una serie di pieghe a libro e formare una palla.
Adagiare nella ciotola leggermente unta d'olio e sigillare con pellicola trasparente. Far lievitare in frigorifero per 18-20 ore. 



Spolverare il piano di lavoro di semi di lino e rovesciarci l'impasto ancora freddo. Stenderlo in un rettangolo con il lato più lungo della misura dello stampo. Arrotolare su se stesso e adagiare nello stampo rivestito di carta da forno.



Sigillare con pellicola trasparente e far lievitare al caldo (almeno 23°C) per 4 massimo 5 ore.
Preriscaldare il forno a 250°C ponendo sul fondo una ciotola colma d'acqua. Infornare e cuocere per 10 minuti. Poi abbassare la temperatura a 200°C e proseguire ancora per 15 minuti. Eliminare la ciotola e terminare la cottura a 180°C in funzione statica per altri 20 minuti. 
(Valutare sempre i tempi e le temperature in base al proprio elettrodomestico. Io ho usato per i primi 25 minuti la funzione ventilata combinata al vapore ed ho completato con la funzione statica.)
Sfornare e far raffreddare su una gratella. Appena è tiepido coprire con un telo pulito di lino per non farlo seccare.



Una volta freddo tagliare a fette spesse 1 cm e gustare!




Ottime da sole, farcite o tostare, sapranno essere sempre all'altezza della situazione!!!


Consigli per la conservazione:
-frigo - tagliato a fette e chiuse in un sacchetto da alimenti di plastica - 10 giorni.
-dispensa - intero avvolto in pellicola trasparente - 7 giorni.   
-freezer - tagliato a fette e chiuse in un sacchetto da alimenti di plastica - 3 mesi.


Con questa ricetta partecipo a Panissimo di Giugno

66 commenti:

  1. Ciao Consu! Buonissimo... ho provato anch'io tempo fa a farlo alla birra ed era molto buono. Ciao cara e buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziana, mi fa davvero piacere aver incontrato i tuoi gusti :-)

      Elimina
  2. Ciao tesoro bello, questo pane è meraviglioso!!!!! con la birra poi!!!
    Come sta tua nonna, va meglio? mi auguro di si!
    Consu cara, ti abbraccio forte e mi spiace davvero tanto per quanto mi hai raccontanto "di là da me", spero riuscirai a risolvere presto tesoro.
    Ti abbraccio forte.
    un bacione

    RispondiElimina
  3. Brava, che bel pane, la birra penso dia un sapore stuzzicante; è anche molto bello da vedere e splendida la preparazione

    RispondiElimina
  4. Sono assolutamente d'accordo sula bread-terapy. Mi piace il nome, si mi piace proprio. Non ho mai fatto un pane con la birra e questo mi incuriosisce un sacco anche perchè ho in dispensa qualche birra che staziona li da troppo tempo. Il problema è che ho il freezer pieno di pane ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hihihi..anche il mio freezer inizia ad essere saturo di sacchetti di pane..ma non riesco più a fermarmi :-P

      Elimina
  5. Fantastico questo pane! Alla prossima seduta di "psicoterapia casalinga" non me lo farò sfuggire (immagino l'aroma della birra...slurp!).
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Complimenti Consu per questo pane strepitoso... quanto è invitante!!! Coraggio cara, ti abbraccio!!!

    RispondiElimina
  7. Concordo sull'effetto terapeutico dell'impastare ! Con la birra ci faccio i crackers. Il pane mi manca. Hai mai provato a farci le piadine ? Quelle tue (che faccio serialmente) come le vedi con la birra al posto dell'acqua ? Ma davvero ti lievita in frigo il pane ? Il mio non si muove per nulla !! Io lo caccio in frigo quando non riesco a cuocerlo perchè di fatto si blocca la lievitazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lievitazione in frigo non si blocca ma si rallenta :-P io lo faccio sempre x le lunghe lievitazioni in modo che non prenda sapore di acido :-)
      ps: l'idea delle piadine non mi dispiace, che dici, proviamo??

      Elimina
  8. Adoro questi pani caserecci..ottimo
    un caro saluto
    To me new post
    babaluccia.blogspot.com
    bloglovin

    RispondiElimina
  9. Penso anche io che la cucina aiuti tanto, anche io ho avuto bisogno di una terapia da cucina e mi è servito tanto! e poi tu mi sforni questi lievitati favolosi...ma come si fa a resistere? speriamo che la tua nonna riprenda presto le energie per uscire di nuovo con te, e mi raccomando l'ingrediente fuori dalla lista alla fine è quello che rivelerà qualche sorpresa! ti adoro!! <3 <3 a presto Consu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia <3<3<3
      ps: anch'io spero in una miracolosa ripresa..mi mancano le nostre scorribande e lo shopping culinario compulsivo :-P

      Elimina
  10. questo pane ha un aspetto fantastico! deve essere uno spettacolo! anche per me impastare è terapeutico, e se fossi brava quanto te allora sarebbe un vero toccasana! buon pomeriggio cara :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tizi, non ti sottovalutare, sei già bravissima :-)

      Elimina
  11. I tuoi pani sono uno più bello dell'altro e questo non fa eccezione. Ti abbraccio. Fabiola

    RispondiElimina
  12. Non ho dubbi che su di te la bread-therapy sia miracolosa...ecco un'altra delle tue meraviglie, la birra rossa non poteva fare fine migliore!!!
    Baci

    RispondiElimina
  13. impasta, impasta che ti passa! :-D
    ...scherziamoci su che è meglio! ma comunque vedo dai risultati,che gli inconvenienti non ti hanno tolto l'entusiasmo e la gioia di fare, che ti distinguono sempre! brava! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari, cerco di andare avanti con la solita positività..anche se adesso mi risulta molto difficile..

      Elimina
  14. Tesorino sono felice di leggere che va un po' meglio...mi trovi completamente d'accordo con te: impastare il pane (o nel mio caso preparare crostate e torte) è terapeutico :-) mi dispiace per la tua dolce nonnina, abbracciala da parte mia <3 il cambio di stagione è sempre una noia! Ma sono certa che appena avrà provato questo pane meraviglioso, si sia sentita subito meglio :-) sei proprio brava, sai?! Un abbraccio cara e continua a panificare <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hihihi..le nostre sedute di psicoterapia alternative, non sono niente male x chi ci sta intorno :-P
      Grazie Leti, ti ripeto che il tuo affetto mi sta davvero aiutando a vedere il bicchiere mezzo pieno <3<3<3

      Elimina
  15. Mettere le mani in pasta e la migliore terapia! Complimenti per questo meraviglioso pane alla birra rossa, é un vero spettacolo di bellezza e bontà sublime! Bravissima!!!
    Un dolcissimo abbraccio e felice serata!
    Laura💚💛💖

    RispondiElimina
  16. Ciao cara, cosa vedono i miei occhi! Un pane rosso e aromatico...ben fatto amica mia!

    RispondiElimina
  17. fantasticamente strepitoso il tuo pane! Appena le temperature mi acconsentiranno di nuovo di riaccendere il forno lo provo!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice, vedrai che non te ne pentirai ^_*

      Elimina
  18. Immagino un profumo meraviglioso!

    RispondiElimina
  19. Che delizia Consu, si, ottima idea metterci una birra artigianale, sicuramente ha un sapore davvero unico!!
    Bellissimo cara, io la mia bread therapy la faccio domani sera, ho ospiti a cena Sabato e un pane sfornato in giornata non glielo toglie nessuno!!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beati i tuoi ospiti :-P Grazie Silvietta e felice serata <3

      Elimina
  20. Spettacolare! Mi incuriosisce da matti il gusto che dovrà avere questo pane. Ne sai una più del diavolo!

    RispondiElimina
  21. come ti capisco, la miglior terapia e' impastare, e' la cucina, li' si dimentica ogni problema, bravissima!!!Hai creato un pane divino!!!Mi raccomando cara, ok???Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabry, sei davvero dolcissima <3<3<3

      Elimina
  22. Dai dai Consu che ti stai rimettendo in pista! Pane splendido, un abbraccio, Lorena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lorena, faccio del mio meglio ma la strada è ancora bella lunga..

      Elimina
  23. Vedrai che presto tutto si risolverà amica mia....tieni duro...
    Intanto vedo che hai sfornato un pane meraviglioso...bravissima come sempre!!!!
    Un bacio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simo, spero che le tue parole siano di buon auspicio <3

      Elimina
  24. Hai proprio ragione, rinchiudersi in cucina ad impastare aiuta tantissimo contro lo stress e il malumore. Ottimo il tuo pane. ciao un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cami, sapevo di trovarti d'accordo :-)

      Elimina
  25. Eh sì, cara Consu... ti capisco eccome! Questa terapia è più che perfetta quando si tratta di risollevare l'animo (prima, durante l'opera di impasto) e dopo ( all'assaggio). Quindi ti vengo incontro e quoto al 100%! :)
    Mi piace l'idea del pane in cassetta, mi piace l'idea della birra e il croccantino dei semi di lino (che adoro)! Insomma un altro pollice su per te! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Robi, sapevo che saresti stata mia complice :-P

      Elimina
  26. bread-therapy tutta la vita! E'verissimo quello che hai scritto: con le mani in pasta si dimenticano, purtroppo solo temporaneamente, i problemi! Ma tu più di noi sei davvero un'impastatrice seriale, quindi i benefici della terapia sono ancora più efficaci ;) Bellissimo questo pane...deve essere pieno di sapori e profumi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazze, sono felice di trovarti d'accordo <3

      Elimina
  27. Bellissima l'idea della bread-therapy! Sono contenta di vedere che sai sempre reagire, ti abbraccio forte forte, a presto

    RispondiElimina
  28. E' un pane davvero favoloso!!!!! complimenti.. baci e bun w.e. :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudia e felice we anche a te <3

      Elimina
  29. Io anziché rilassarmi mi sfogo sull'impasto, i pensieri peggiorano, e il pane ha un sapore amarognolo... chissà che la birra non faccia la differenza ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..probabilmente tu hai altre valvole di sfogo più creative ^_^

      Elimina
  30. che meraviglia questo pane!! lo adoro con la birra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Linda, mi fa molto piacere che tu abbia gradito la mia idea ^_^

      Elimina
  31. Conosco benissimo questa cura e mi tocca farla spessissimo perchè la vita è davvero birbantella e te ne combina sempre qualcuna ... Uno spettacolo questo pane, di una bontà e bellezza infinita. Forza tesoro, non farti abbattere dagli eventi perchè ti assicuro che c'è di peggio. Lo so, non consola ma bisogna pur far opera di convincimento. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..lo so bene Terry e ti ringrazio x il sostegno e le tue sagge parole <3

      Elimina
  32. Ti capisco, anche a me cucinare distende e mi rilassa! Io faccio soprattutto i dolci!😋 Delizioso il pane fatto in casa!❤ Mi iscrivo al tuo blog, così non perdo una tua ricetta!😊 Ricambia se vuoi!😘 Buona serata!❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vanessa e benvenuta ufficialmente alla mia tavola :-)

      Elimina
  33. Concordo con te sul fatto che affondare le mani nella farina è la migliore terapia per rilassarsi e cancellare i troppi pensieri che affollano la nostra mente. Io lo faccio spesso e ci guadagno pure perchè mangio qualcosa di genuino e salutare. Sfizioso il tuo pane, vale la pena di provarlo. Un abbraccio e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Barbara mi fa davvero piacere trovarti d'accordo e non potevi esprimere in modo migliore il mio pensiero :-)

      Elimina